Coronavirus, parla il primo volontario che sta testando il vaccino: "Sento il peso del mondo"

"E' strano pensare che il peso del mondo sia sul mio corpo e, per essere precisi, sulla mia spalla" dice Edward O'Neill è un ricercatore australiano che lavora all'università di Oxford. E' uno dei primi 2 volontari coinvolti nella sperimentazione del vaccino per il coronavirus“

Non è stata una scelta fatta a cuor leggero. Ma "è la cosa giusta da fare". Edward O'Neill è un ricercatore australiano che lavora all'università di Oxford. Ed è uno dei primi 2 volontari coinvolti nel programma di sperimentazione del vaccino per il coronavirus. "Mi sembra semplicemente la cosa giusta da fare per far sì che possiamo contrastare la malattia e uscirne un po' più rapidamente", dice lo scienziato di Sydney, da 2 anni ricercatore di radiologia oncologica nell'ateneo londinese. Si tratta del vaccino sperimentale messo a punto dal team del “Jenner Institute” dell’università di Oxford e chiamato Chadox1 nCoV-19.

O'Neill, come spiega all'emittente australiana 7news, ovviamente non sa se gli è stato iniettato il vaccino o il placebo. Non può escludere rischi potenziali per la propria salute. "Ho fiducia" nei colleghi scienziati, racconta. "Non si può escludere nessun rischio potenziale, ma in queste situazioni bisogna avere fiducia nel fatto che il lavoro venga svolto nel miglior modo possibile e bisogna essere consapevoli che la causa è importante", aggiunge. "Per me - afferma ancora- d'altra parte è importante capire anche lo studio clinico. E' stato istruttivo anche per me".

"Ho firmato per partecipare al programma e sono stato il primo. Mi sento bene - ha anche detto O'Neill -. Potrei aver ricevuto il placebo, non c'è modo di saperlo. In questo momento non posso andare in laboratorio, perché sono io l'esperimento. E' strano pensare che il peso del mondo sia sul mio corpo e, per essere precisi, sulla mia spalla. La mia spalla sinistra...".

O'Neill deve gestire una situazione particolare in famiglia. "Quando l'ho detto a mia moglie, ha pensato che fosse una grande idea. Era un po' frustrata, lei sta allattando e non è un soggetto arruolabile nel programma. C'è sempre nell'aria quel dubbio, 'starai bene?'. Ma alla fine pensa che sia la cosa giusta da fare". E' grazie a persone come Edward O'Neill che ci sono speranze per un vaccino in tempi rapidi, magari già a inizio 2021. Sono quasi 80 le linee di sviluppo di un vaccino in tutto il mondo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fonte: Today.it.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ha aperto il nuovo ipermercato: un maxi-store da 5.788 mq (e 120 dipendenti)

  • Terribile tragedia: bimba di 7 mesi muore soffocata da un palloncino

  • Tragedia sui cieli della Lombardia: aereo precipita e prende fuoco, due morti

  • Shampoo e docciaschiuma, fa il bagno nella fontana della piazza

  • Si sente male in classe, è positivo al tampone: nuova quarantena a scuola

  • Alcol a minori, sporcizia ovunque e cibo scaduto: 12.000 euro di multa per un fast food

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento