menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gli speciali spaghetti cacio e pepe di Nadia (fonte Facebook)

Gli speciali spaghetti cacio e pepe di Nadia (fonte Facebook)

Il ristorante è una Stella Michelin, ma è costretto a chiudere: "Costi insostenibili"

Il ristorante "Da Nadia" di Erbusco costretto a chiudere l'attività a seguito delle difficoltà indotte dalla pandemia

Zuppe di pesce e altri piatti simbolo, in versione da asporto, non sono stati sufficienti a far soppravvivere il ristorante "Da Nadia" di Erbusco. Il noto locale di via Cavour, una Stella Michelin, è stato infatti costretto a chiudere i battenti a seguito della pesante crisi che si è abbatutta sul settore della ristorazione, in particolare quella di alto livello.

A comunicare, a malincuore, la cessazione dell'attività è stata la stessa proprietaria della struttura, Nadia Vincenzi, attraverso un post affidato a Facebook. In rete la rinomata chef di origini romagnole ha spiegato ai suoi clienti che "non si tratta di un addio, ma di una pausa necessaria per pensare alla rinascita".

"La nostra è un'azienda che deve fare i conti, concedeteci il gioco di parole, con i conti. - ha sottolineato Vincenzi - Mentre gli incassi calavano inesorabilmente, le spese sono diventate sempre più insostenibili specie per una realtà che si fregia di una Stella Michelin. Affitti, bollette, tasse, obblighi con i dipendenti e i fornitori sono costi che la pandemia ha reso ingestibili".

La chef ha deciso quindi di "deporre momentaneamente gli utensili da cucina" in attesa di tempi migliori. "La situazione attuale non ci consente di proseguire in queste condizioni - ha aggiunto - ma non vogliamo fermarci. Ci prenderemo del tempo per studiare un nuovo format, per riaprire altrove e ripartire, continuare a proporre le nostre idee, sempre all'insegna di una raffinata semplicità". 

Innumerevoli i messaggi di vicinanza e sostegno giunti alla titolare dell'attività che ha ribadito con forza l'intenzione di tornare operativa, appena le condizioni generali lo consentiranno, con una rinnovata veste in una nuova location.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il falso mito dell'acqua e limone da bere (calda) la mattina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento