menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In 35 a pranzo senza distanziamento: chiuso il ristorante che offriva servizio mensa

L'episodio è accaduto martedì a San Felice del Benaco. Per il titolare 400 euro di multa e chiusura del locale per 5 giorni. Al vaglio la posizione dei 35 avventori presenti

In 35 a tavola senza rispettare il distanziamento previsto dalla vigente normativa anti Covid. E' questo quanto hanno riscontrato i Carabinieri di Salò all'interno del ristorante-pizzeria "La Cariola Sbusa" di San Felice del Benaco, aperto all'ora di pranzo per offrire agli avventori il servizio mensa, come previsto dal decreto in vigore.

La mancanza del distanziamento tra gli avventori del locale, sancito dalla normativa, è costato caro ai titolari dell'esercizio che si sono visti infliggere una sanzione di 400 euro oltre alla chiusura del locale per almeno 5 giorni.

Ancora da valutare la posizione dei 35 clienti, presenti all'interno della struttura al momento delle verifiche da parte delle forze dell'ordine. I commensali, stando a quanto appreso, potrebbero non aver avuto le carte in regola per pranzare. Stando alla normativa, infatti, il servizio mensa è ammesso purché sia stato preventivamente sottoscritto uno specifico contratto per le maestranze, mentre per chi lavora come partita iva non è consentito fruire del servizio.

Ulteriori accertamenti consentiranno di verificare la posizione dei clienti ed, eventualmente, prevedere una sanzione anche nei loro confronti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il falso mito dell'acqua e limone da bere (calda) la mattina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento