Coronavirus

Visoni trovati positivi al Covid-19: ne saranno abbattuti quasi 30.000

Sono circa 30mila i visoni dell'allevamento Mi.Fo di Capralba, provincia di Cremona, che dovranno essere abbattuti: lo ha deciso Ats a seguito di positività al Covid di tre esemplari

Dovranno essere tutti abbattuti i circa 30mila visoni dell'allevamento Mi.Fo di Capralba, provincia di Cremona, il più grande d'Italia: la decisione è stata presa dall'Ats Valpadana anche alla luce della più recente ordinanza del Ministero della Salute, che dopo quanto successo in Danimarca – infezione da coronavirus da visone a umano – prevede l'abbattimento immediato di tutti i capi in caso di positività degli animali.

I proprietari sono molto amareggiati, per non dire disperati: l'allevamento è aperto da più di 40 anni, adesso dovrà ripartire praticamente da zero. E' attesa in questi giorni la comunicazione degli interventi di abbattimento, che saranno realizzati da una ditta esterna. I cadaveri dei visoni poi dovranno essere inceneriti, per ridurre al minimo la possibilità di un contagio.

Il ricorso al Tar di Brescia dei proprietari

Dagli accertamenti di Ats sarebbero tre i visoni risultati “debolmente positivi” al Sars-Cov2 nelle ultime settimane. I titolari dell'azienda avevano fatto ricorso al Tar di Brescia per poter riprendere l'attività: il Tribunale amministrativo aveva dato loro ragione. Ma poco più tardi era seguito un nuovo procedimento di Ats, in linea con quanto previsto dall'ordinanza del Ministero.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Visoni trovati positivi al Covid-19: ne saranno abbattuti quasi 30.000

BresciaToday è in caricamento