Buoni spesa per le famiglie bresciane: chi ne ha diritto e dove possono essere usati

7,352 milioni dei 400 stanziati dal governo per l'acquisto di prodotti alimentari e generi di prima necessità finiranno nelle casse dei 205 Comuni bresciani. Sarà l’ufficio dei servizi sociali di ciascun Comune a individuare poi i beneficiari.

L'emergenza Coronavirus non è solo sanitaria Tra le prime e immediate conseguenze dell'epidemia in corso, c'è l'impoverimento di diversi nuclei familiari, rimasti senza fonte di reddito o le cui entrate mensili sono state dimezzate dalle chiusure necessarie per contenere il dilagare del virus.

400 milioni per i bonus spesa 

Il primo aiuto concreto per rispondere all'allarme povertà arriva dal governo. Sabato il premier Conte ha annunciato le prime misure: l'immediata erogazione del fondo di solidarietà da 4,3 miliardi per tutti i Comuni italiani (avrebbe dovuto essere erogato a maggio) e gli aiuti per le famiglie in difficoltà economica. Per i buoni alimentari sono stati stanziati in tutto 400 milioni di euro. Gli aiuti, previsti da un'ordinanza della Protezione civile e quindi non soggetti a controlli della Corte dei conti, sono stati distribuiti agli 8mila comuni italiani e riparti secondo il numero abitanti e l'indice di povertà. 

7,3 milioni nel Bresciano 

I 205 Comuni del Bresciano hanno a disposizione 7, 352 milioni di euro. I contributi, come detto, finiranno nelle case di ciascun Comune, in base alla popolazione e all'indice di povertà. In città il bonus vale 1 milione e 48mila euro, mentre 162 mila euro sono stati assegnati e Montichiari e 70mila a Orzinuovi. 

Bonus da 300-400 euro a famiglia

L’ordinanza, firmata dal capo della protezione civile Angelo Borrelli, prevede che siano poi i Comuni a ridistribuire i soldi stanziati dal governo per l’acquisto di buoni spesa o per comprare e distribuire direttamente generi alimentari e prodotti di prima necessità. Nel testo non viene specificato l’importo dei buoni spesa. Ma si tratterebbe di un bonus 'una tantum' il cui valore è compreso tra i 300 e i 400 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come viene assegnato il bonus

È l’ufficio dei servizi sociali di ciascun Comune a individuare la platea dei beneficiari e a stabilire il valore del contributo. Priorità assoluta viene data alle famiglie in difficoltà che non sono già destinatarie di altri sostegni pubblici, come per esempio il reddito di cittadinanza. Non è ancora chiaro in che forma il bonus verrà erogato, ma sono due le ipotesi: tessera magnetica o tagliandi. Si stima che a beneficiare dell'aiuto saranno circa 25mila famiglie bresciane.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Apre nuovo supermercato: maxi-store da 3.800 mq aperto tutti i giorni

  • Un uomo e un ragazzo fanno sesso sul ciglio della strada: multa da 20.000 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento