Coronavirus, ex marito ricoverato: "Io e mia figlia coi sintomi, siamo abbandonati"

La denuncia di Sonia, 49enne di casa in città: “Mai state messe in quarantena da Ats: abbiamo vissuto nel terrore per settimane”

Emergenza Coronavirus (copyright © Maurizio Poinelli)

“Se siamo vive, dobbiamo ringraziare solo Dio”: c’è tanta rabbia e amarezza nella voce di Sonia, 49enne che lavora al Civile di Brescia come nel settore amministrativo. “Paghiamo le tasse ed è un nostro diritto essere curati, invece siamo stati ignorati e abbandonati”. La sua storia è tristemente simile alle tante che vi abbiamo già raccontato; per fortuna - stavolta - senza un finale drammatico.

Tutto comincia lo scorso 9 marzo, quando l’ex marito della 49enne viene ricoverato in ospedale a Gardone Val Trompia per una polmonite. Il tampone conferma che è positivo al Covid-19. Sonia, che solo pochi giorni prima aveva ospitato l’ex in casa per permettergli di passare del tempo con la loro figlia di 10 anni, comincia a non stare bene.

“Sia io che mia figlia avevamo la febbre e dei forti dolori muscolari.” Stessi sintomi, per entrambe: “Ci sentivamo molto stanche, ma non avevamo problemi respiratori. Ho seguito la normale procedura per i cittadini: ho chiamato il 112, il numero verde regionale, quello di Ats Brescia. Niente da fare, per me e la mia bambina non era possibile fare il tampone, nonostante il mio ex fosse positivo al virus. Mi hanno solo ripetuto di stare tranquilla, di continuare con la Tachipirina e di chiamare il 112 solo qualora non fossimo più riuscite più a respirare. Sono stati giorni terribili: ero sola con la mia bimba e avevo paura di quello che sarebbe potuto accadere. Per altro mia figlia ha avuto la febbre a 40 per diverso tempo e non scendeva nemmeno con il paracetamolo”.

Niente tampone e nessun monitoraggio per la 49enne e la figlia, come per l’altro figlio dell’ex marito: “Gli operatori del 112 mi hanno detto di considerarmi in quarantena, ma non è scattata nessuna procedura di controllo da parte di Ats. La cosa più assurda è che l’atro figlio del mio ex, che vive con lui, è stato messo in isolamento obbligatorio a domicilio solo dopo diversi giorni dal ricovero del padre: nel frattempo lui ha continuato ad uscire e pure ad andare a lavorare. Prima di Ats son stata io a chiamarlo per dirgli di stare a casa. Scaduti i 14 giorni di quarantena, è stato poi lui a telefonare per chiedere se potesse uscire: gli hanno dato il via libera senza prima effettuare un controllo per sincerarsi delle sue condizioni o fargli un tampone per verificare se fosse contagioso o meno. Tutto ciò è pazzesco.”

Aprile è quasi finito, ma Sonia è ancora malata: “Tre giorni fa dovevo rientrare al lavoro: sono assente da febbraio, perché prima avevo avuto dei problemi renali. Sabato mi è venuta di nuovo la febbre: ho chiamato la guardia medica e mi hanno detto di stare a casa, che poteva essere una recidiva del Coronavirus, che però non ho la certezza di avere mai avuto. Mi ha prescritto la terapia base per curare il Covid-19, ma poi ho sentito il mio medico di base che ha detto che i sintomi sono più simili a quelli di una tonsillite. A questo punto non mi resta che aspettare: prima di rientrare al lavoro sarò finalmente sottoposta al tampone, ma solo perché sono una dipendente dell' Asst Spedali Civili e la procedura aziendale lo prevede. Se fossi stata una cittadina qualunque non mi sarebbe mai stato fatto.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutto sommato a Sonia e ai suoi familiari è andata bene: “Il mio ex marito è stato dimesso e sta aspettando l’esito del secondo tampone, mia figlia è guarita. Ma non si può negare che sia stato uno stermino: una mia amica ha perso entrambi i genitori in pochi giorni e la stessa sorte è toccata ai miei vicini di casa. La gestione dell’epidemia è stata un macello e dobbiamo far sentire la nostra voce e raccontare cosa non ha funzionato. Non oso pensare a cosa possa succedere se ci fosse una seconda ondata." Timori fondati, e condivisibili, quelli di Sonia, visto che all'avvio della tanto attesa Fase 2 mancano davvero pochissimi giorni.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brescia: terremoto di magnitudo 2.7, epicentro a Caino

  • "Oltre 2300 in terapia intensiva, governo pronto al nuovo lockdown in Italia"

  • Nuovo Dpcm, barista bresciana si ribella: “Io non chiudo alle 18, arrestatemi”

  • Incubo coronavirus: 237 casi a Brescia, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Autocertificazione covid Lombardia: modulo da scaricare Ottobre 2020

  • Covid: a Brescia oltre 300 nuovi casi e una vittima, i nuovi contagi Comune per Comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento