menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine tratta da Facebook, gruppo "Brescia che NON vorrei"

Immagine tratta da Facebook, gruppo "Brescia che NON vorrei"

Locale affollato, la foto sul web scatena la polemica

Un fermo-immagine di un video girato in un locale - chiuso, pieno di gente senza mascherina - postata sui social ha dato il via a una discussione circa i controlli

Riaperto dopo mesi, affollato da tanti che non vedevano l'ora di tornare a divertirsi ballando o semplicemente ascoltando musica, e subito oggetto di pesanti critiche. Stiamo parlando del Social Club di via della Ziliola. Il sasso virtuale è stato gettato nel gruppo Facebook «Brescia che NON vorrei - segnalazioni (degrado e altro) città e provincia» da parte di un giovane studente (l'immagine è un frame tratto da un video su Instagram). 

A corredo dell'immagine, il suo autore scrive, in un lungo post: «Purtroppo la qualità non è delle migliori essendo un fermo immagine tratto da un video, ma è comunque visibile la moltitudine di gente presente e lo scorretto o a volte completamente assente utilizzo delle mascherine (che devono essere obbligatorie secondo il regolamento del locale). Cercando su Google il locale risulta avere una metratura di 2000 metri quadrati, e il locale specifica che ogni persona debba tenere due metri di distanza dagli altri (senza contare lo spazio occupato dal bancone e dalla console e dal privè, non presente nell'immagine perché a destra rispetto all'inquadratura ma con almeno 6/7 tavoli che dovrebbero tenere ciascuno 10 persone). A causa dell'emergenza e delle successive disposizioni di legge ristoranti, bar e locali hanno dovuto ridurre i posti, aule studio e cinema chiusi o con posti contingentati, stadi chiusi e concerti sospesi nel pieno rispetto delle norme. Ma a quanto pare in alcuni luoghi questi protocolli non vengono rispettati». 

Come è facile prevedere, lo scatto e la didascalia hanno provocato centinaia di commenti, riassumibili in due filoni: chi se la prende col ragazzo per il "terrorismo psicologico" nei confronti di chi vuole divertirsi e contro i gestori del locale fermi da mesi, e dall'altra parte chi ritiene inaccettabile tale affollamento, soprattutto in confronto alle tante limitazioni che ci sono (ci saranno) ad esempio nelle scuole o nelle università. 

Un commento è stato pubblicato anche dai gestori del locale: «La gente non sta ballando e quindi la distanza da tenere per regolamento diventa 1 metro. Come tu hai perso tempo a fare "le tue verifiche", noi ci siamo presi la briga di perdere tempo a mettere 1 pallino e poi contare... risultato: meno di 60 teste! Per una foto "sensazionalistica", sgranata e dalla prospettiva discutibile, fai rischiare la chiusura a un locale che dà lavoro a quasi cinquanta persone. Pensi che gli organi competenti diano i permessi a caso senza sapere a cosa vanno incontro? Se dovessimo denunciare ogni azione sospetta giudicata da una foto sui social, nessuno dovrebbe più uscire di casa». 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ghedi: morto l'imprenditore agricolo Giovanni Chiappini, ucciso da un infarto

  • Incidenti stradali

    Auto 'vola' in un campo e si ribalta in un fossato: paura per una donna

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento