Calano i contagi e aumentano i guariti, ma non finisce la tragedia: in Lombardia 85 morti in 24 ore

Il Coronavirus rallenta in Lombardia e nel Bresciano: i nuovi casi registrati sabato nella nostra regione sono stati 502, di cui 46 nel Bresciano. Nella nostra provincia il numero dei guariti e superiore a quello degli attualmente positivi.

A quasi 7 giorni dall’avvio delle Fase 2 la Lombardia non è ancora scesa sotto la soglia, 500 nuovi casi al giorno, che il governatore Attilio Fontana ha indicato come obiettivo da raggiungere per valutare nuove riaperture. Ma ci è andata vicina: nelle ultime 24 ore sono risultati positivi 502 dei 11.478 tamponi effettuati. Nella nostra regione si concentra ancora il 50% dei nuovi casi registrati a livello nazionale: sabato sono stati 1.083, l’aumento più  basso dal 10 marzo (escludendo quello  del 5 maggio 1.075 contagi in più). Anche il rapporto tra contagi e tamponi effettuati è il basso di sempre: solo l’1,6% dei test effettuati è risultato positivo.

Nel Bresciano oltre 7000 guariti

I numeri confermano che il 50% dei nuovi casi si registra ancora in Lombardia, anche se le curve stanno scendendo. Nel Bresciano, secondo la Regione, si sono registrati 46 nuovi casi tra venerdì e sabato. Due in meno (44) sommando i numeri forniti dall’Ats Brescia e Montagna. La discrepanza si deve agli orari di chiusura dei bollettini. Dall’inizio dell’emergenza sono state contagiate 13.506 persone, di queste 7.140 sono ormai da considerarsi guarite. Gli ex malati con doppio tampone negativo nella nostra provincia sono quindi più della metà del totale dei contagiati. Ed è questo il dato che infonde ottimismo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dodici lutti

L’emergenza è tutt’altro che finita. E lo si capisce dai decessi che pur calando non si arrestano. In tutta la Lombardia si sono registrati 85 morti per Coronavirus tra venerdì e sabato, per un totale di 14.924. Nel Bresciano le croci sono state 12, nessuna delle quali in Val Camonica. Due decessi sono avvenuti a Brescia, uno a Chiari, Desenzano, Ghedi, Lumezzane, Rodengo Saiano, Roncadelle, Sarezzo, Sirmione, Treviso Bresciano e Villa Carcina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Un uomo e un ragazzo fanno sesso sul ciglio della strada: multa da 20.000 euro

  • Apre nuovo supermercato: maxi-store da 3.800 mq aperto tutti i giorni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento