Coronavirus

Positivo al Covid, bimbo di 8 mesi operato d'urgenza al cervello: ora sta bene

Operazione da primato al Policlinico di Milano. Il bimbo soffriva di idrocefalo, ora la patologia è sotto controllo ed è anche guarito dal Coronavirus.

Un intervento da primato e una storia che regala davvero tanta speranza. È quella che arriva dal Policlinico di Milano: un bimbo di 8 mesi affetto da idrocefalo e pure positivo al Coronavirus ha subito un delicato intervento chirurgico. 'Ora sta bene' spiegano i sanitari che lo hanno operato.

Un'operazione che si è guadagnata le pagine della prestigiosa rivista scientifica The Lancet. Secondo quanto scrivono gli esperti, quello del neonato è "il primo caso noto di un bimbo così piccolo positivo a Covid-19 sottoposto a intervento neurochirurgico".

Per trattare l'idrocefalo- cioè la dilatazione dei ventricoli cerebrali causata da un eccessivo accumulo di liquido cefalo-rachidiano che determina un aumento della pressione all'interno del cranio - il piccolo aveva già subito un intervento chirurgico "con cui erano state posizionate delle speciali valvole capaci di ridurre i liquidi in eccesso e quindi di preservare il cervello" spiegano dall'istituto milanese. Ma, ad aprile, in piena emergenza Covid-19, le valvole iniziano a non funzionare bene e la situazione precipita. I genitori, per fortuna, si accorgono subito del problema e portano il piccolo al Pronto Soccorso del Policlinico. 

Il bimbo e la madre positivi al Covid-19

I medici capiscono che la situazione è urgente, ma il tampone è d'obbligo. Ed in un istante tutto si complica: sia la madre che il piccolo sono positivi al virus. L'intervento tuttavia non può essere rimandato. Luca viene operato due volte. I neurochirurghi del Policlinico tentano un primo intervento per sostituire le valvole, "ma nonostante la modifica, - si legge nella nota dell'ospedale - il drenaggio continua a non funzionare. Due giorni dopo organizzano un nuovo intervento, e il drenaggio riprende perfettamente la sua funzione". 

Difficile operare con tutti i dispositivi anti-coronavirus

"Una ulteriore difficoltà per i neurochirurghi - spiega Ezio Belleri, direttore generale del policlinico di Milano - è stata portare a termine un'operazione molto delicata su un bambino così piccolo indossando tutti necessari dispositivi di protezione anti-coronavirus: che non solo ingombrano i movimenti, ma rendono molto più complicate tutte le manovre col bisturi in sala operatoria. La storia di questo bimbo, però, conferma ancora una volta che non c'è emergenza che tenga: per i pazienti che hanno bisogno di aiuto, e nonostante il coronavirus, il Policlinico di Milano è sempre aperto".

Il bimbo sta bene, fanno sapere i sanitari: "Ha di nuovo il suo idrocefalo sotto controllo e in più è guarito dal coronavirus, superando bene sia l'operazione che l'infezione virale". 

L'equipe che ha effettuato l'operazione è composta da Marco Locatelli e Giorgio Carrabba, neurochirurghi del Policlinico di Milano, firmatari dell'articolo 'Neurosurgery in an infant with Covid-19' insieme ad altri colleghi. 

Fonte: Today.it
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Positivo al Covid, bimbo di 8 mesi operato d'urgenza al cervello: ora sta bene

BresciaToday è in caricamento