Il Coronavirus è dilagato lungo l'autostrada A21: le 10 province più colpite

Un nuovo studio mette in evidenza le correlazioni tra le arterie di comunicazione e la diffusione del virus: Brescia è la quinta provincia in Italia per tasso di mortalità

Autostrada A21 (foto d'archivio)

Non è il primo studio in cui si legge del “virus dell’autostrada”: come se il contagio avesse seguito una linea ben precisa, quasi parallela alle arterie autostradali del Nord Italia. E’ del San Raffaele l’ultima ricerca in questo senso: l’analisi dei tassi di mortalità in tutti i capoluoghi dei territori più colpiti, partendo dall’Emilia Romagna e arrivando fino a Piemonte e Valle d’Aosta. Da cui emerge, appunto, un incremento del tasso di mortalità ogni mille abitanti nelle zone “toccate” dall’autostrada A21.

Il nuovo studio del San Raffaele

Non che il Covid-19 si sia mai infiltrato in qualche fessura dell’arteria stradale. Si tratta, come si legge nella relazione allo studio realizzato nell’ambito del progetto Horizon 2020 e che verrà presto pubblicato anche in letteratura internazionale, di un’epidemia che si è spostata “senza guardare i confini amministrativi, quanto piuttosto alle grandi vie di comunicazione e scambio: le 12 province più colpite appartengono a quattro Regioni diverse”.

Le dieci province più colpite dal virus

Nel dettaglio, a parte Piacenza, Parma e Alessandria, sono tutte lombarde le prime dieci province per tasso di mortalità. Anche se è Piacenza la più colpita, con 2,585 morti ogni mille abitanti: seguono Bergamo (2,559), Lodi (2,478), Cremona (2,474), Brescia (1,709), Pavia (1,509), Parma (1,326), Mantova (1,141), Alessandria (1,080) e Lecco (1,050). Sopra la soglia di rischio anche Sondrio, con 1,008 morti ogni mille abitanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Differenze enormi anche nella stessa Regione

Sono a tratti incredibili, e per questo sicuramente da approfondire, le differenze di mortalità anche all’interno della stessa regione. In Lombardia il tasso di Milano (0,728 morti ogni mille abitanti) è due volte e mezzo in meno quello di Brescia e quattro volte meno quello di Bergamo: a Como è dello 0,569 ogni mille, a Varese dello 0,273. In Emilia Romagna il tasso di mortalità di Bologna (0,368 ogni mille abitanti) è sette volte meno quello di Piacenza.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brescia: terremoto di magnitudo 2.7, epicentro a Caino

  • "Oltre 2300 in terapia intensiva, governo pronto al nuovo lockdown in Italia"

  • Tentato suicidio a scuola: ragazzina si butta dal balcone

  • Coprifuoco in tutta la Lombardia, ok del governo: dalle 23 stop attività e spostamenti

  • Incubo coronavirus: 237 casi a Brescia, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Autocertificazione covid Lombardia: modulo da scaricare Ottobre 2020

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento