Valseriana, 250 poliziotti e militari erano già pronti: nessuno ha deciso

Pubblicato anche il verbale sulla mancata istituzione della zona rossa tra Alzano e Nembro: la memoria torna ai giorni più bui della pandemia da coronavirus

Agente di polizia con mascherina anti-contagio - Foto © Bresciatoday.it

Nell'elenco dei verbali del Comitato tecnico-scientifico che non sono ancora stati desecretati non solo manca quello relativo all'ipotesi di una zona rossa in territorio di Orzinuovi, ma anche quello in cui si parla delle zone rosse in Valseriana, a Nembro e Alzano. Ma il verbale in questione è stato reso pubblico dal consigliere regionale di Azione Niccolò Carretta.

La zona rossa (mancata) di Alzano e Nembro

“Il 3 marzo, in piena emergenza – scrive Carretta – si svolse una riunione molto importante di cui, grazie a un accesso agli atti che ho depositato il 7 aprile, ho ottenuto il verbale che mancava e che si aggiunge a quelli che il Tar ha chiesto di desecretare”. Nel testo si legge della proposta del Cts, che avrebbe voluto istituire una zona rossa proprio tra Alzano e Nembro.

“Purtroppo, come sapere – continua il consigliere regionale – la zona rossa non è mai arrivata e questi documenti, insieme alle indagini della magistratura, aiuteranno a capire quali possano essere state le conseguenze di questa non-scelta. Lontano dal voler giudicare, proseguo nella mia battaglia per la verità e per la chiarezza: ritengo sia giusto nei confronti di chi ci ha lasciato e di chi ha tanto sofferto”.

Il verbale del Comitato tecnico-scientifico

Nel verbale reso pubblico da Carretta si legge, testuale, che nei due Comuni bergamaschi si era già rilevato “un indicatore di alto rischio di ulteriore diffusione del contagio”. Da qui la proposta del Cts di “adottare le opportune misure restrittive già adottate nei Comuni della Zona rossa, al fine di limitare la diffusione dell'infezione nelle aree contigue”. La memoria torna a quei giorni terribili per l'Italia e la Lombardia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ai primi di marzo in Valseriana arrivarono più di 250 uomini delle forze dell'ordine: Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia di Stato e anche l'esercito. Erano pronti a entrare in azione per istituire la zona rossa di Alzano e Nembro. Invece passerà ancora qualche giorno, fino al lockdown che coinvolgerà tutto il territorio nazionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brescia: terremoto di magnitudo 2.7, epicentro a Caino

  • Tentato suicidio a scuola: ragazzina si butta dal balcone

  • Coprifuoco in tutta la Lombardia, ok del governo: dalle 23 stop attività e spostamenti

  • Dpcm 18 ottobre: le nuove misure della stretta in arrivo oggi

  • Coprifuoco in Lombardia: il 'grande' ritorno dell'autocertificazione

  • Covid, nuova ordinanza della Regione per locali, sport, Rsa e scuole: cosa cambia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento