rotate-mobile
Venerdì, 27 Maggio 2022
Attualità

La Provincia di Brescia ha un nuova Convenzione per la Rete Bibliotecaria

Il Consiglio Provinciale ha approvato la nuova Convenzione della Rete Bibliotecaria Bresciana

Il Consiglio Provinciale ha approvato la nuova Convenzione della Rete Bibliotecaria Bresciana, sottoscritta tra la Provincia di Brescia e i Sistemi Bibliotecari bresciani, con la quale si intende dare continuità all’esperienza di cooperazione consolidata dalla nascita della RBB nel 1988 e definita dalla prima Convenzione 2012-2022, nel rispetto del Manifesto Unesco delle biblioteche.

La Convenzione si prefigge lo scopo di favorire l’esercizio di quelle attività che, per natura tecnica o per caratteristiche organizzative, non possono essere svolte con la necessaria efficacia, efficienza ed economicità dal singolo Sistema bibliotecario e dalla singola Amministrazione Comunale per mezzo della singola biblioteca. L’obiettivo è dunque quello di favorire il raggiungimento di economie gestionali e lo sviluppo di interventi di adeguato livello tecnico-qualitativo a favore delle biblioteche della Rete e dei Comuni.

Questo lungimirante percorso – dichiara il Consigliere delegato alla Cultura, Roberto Bondio - ha raggiunto obiettivi di ottimizzazione e razionalizzazione dei servizi centralizzabili, con particolare attenzione all’economicità e alla funzionalità: penso ai software, al servizio di catalogazione, al constante monitoraggio, all’assistenza e alla formazione, al prestito interbibliotecario. Tutto ciò ha permesso uno sviluppo armonico su tutta la Rete, sollevando i Sistemi e le biblioteche da compiti risolvibili a livello centrale, in modo da permettere ai territori di dedicarsi maggiormente all’utenza e allo sviluppo di peculiarità, in base al contesto nel quale operano, in modo da rendere ancora più ricco e variegato l’universo bibliotecario bresciano.”

Tra le principali novità della Convenzione, valida per dieci anni, vi è l’ingresso nella RBB del Sistema Bibliotecario Urbano come parte integrante e sostanziale della Rete e il riconoscimento del ruolo specifico della Queriniana come biblioteca capoluogo di provincia. Alla Queriniana spetta la conservazione e la gestione del patrimonio documentario storico e di pregio, la cura dei fondi speciali di rilevanza storico-culturale, la promozione delle attività di catalogazione, digitalizzazione e valorizzazione del materiale librario e documentario antico, raro e di pregio, e fornisce consulenza alle biblioteche della RBB sulla salvaguardia dei documenti antichi. Nella Convenzione, inoltre, è stata inserita una premessa per contestualizzare meglio l’azione delle biblioteche della RBB come “strumento di accesso all’informazione indispensabile all’esercizio della democrazia” e vengono riaffermati i ruoli dei soggetti della RBB (Provincia di Brescia, Sistemi bibliotecari, biblioteche). La Convenzione, infine, prevede un richiamo ai rapporti finanziari per i servizi centralizzati, e la compartecipazione alla spesa per alcuni di essi (come MLOL – Media Library Online e prestito interbibliotecario).

Serve un forte investimento non solo nell’acquisto dei libri, ma anche nella creazione di spazi e luoghi di sviluppo della socialità, dello stare insieme, della creazione di legami – conclude il Consigliere Bondio -. Dobbiamo liberarci dello stereotipo della biblioteca confinata nell’ambito del libro, dello studio e del silenzio e lavorare per migliorare i servizi offerti e raggiungere un alto livello qualitativo omogeneo su tutto il territorio: biblioteche aperte tutti i giorni e dotate di risorse sufficienti, strumenti innovativi, spazi curati e confortevoli, bibliotecari costantemente formati, al passo con le nuove esigenze e assunti con contratti adeguati al loro ruolo.”

La Provincia di Brescia continua a svolgere il ruolo di coordinamento della RBB, di rappresentanza verso l’esterno e di regolazione delle istanze proveniente dai Sistemi bibliotecari sottoscrittori al fine di garantire la crescita armonica e sostenibile della Rete Bibliotecaria. Inoltre, la Provincia fornisce ai Sistemi bibliotecari l’infrastruttura informatica, definisce l’organizzazione e lo sviluppo della banca dati collettiva, bibliografica e gestionale della RBB, si occupa del Protocollo di scelte catalografiche del fondo documentario moderno della Rete, stipula partenariati con altre reti bibliotecarie e gestisci i rapporti con Regione Lombardia e altre istituzioni.

I sottoscrittori della Convenzione:

  • Provincia di Brescia;
  • Sistema Bibliotecario Bassa Bresciana Centrale (ente capofila Comune di Manerbio);
  • Sistema Bibliotecario Brescia est (ente capofila Comune di Rezzato);
  • Sistema Bibliotecario Nord Est Bresciano (ente capofila Comunità Montana di Valle Sabbia);
  • Sistema Bibliotecario Ovest Bresciano (ente capofila Comune di Palazzolo sull’Oglio);
  • Sistema Bibliotecario Sud Ovest Bresciano (ente capofila Comune di Chiari);
  • Sistema Bibliotecario Urbano (ente capofila Comune di Brescia);
  • Sistema Bibliotecario di Valle Camonica (ente capofila Comunità Montana di Valle Camonica);
  • Sistema Bibliotecario di Valle Trompia (ente capofila Comunità Montana di Valle Trompia).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Provincia di Brescia ha un nuova Convenzione per la Rete Bibliotecaria

BresciaToday è in caricamento