Attualità

Tumore in gravidanza, rinuncia alle cure e muore per far nascere il figlio

La storia d'amore di una giovane mamma di Castiglione delle Stiviere: ha rinunciato alla chemioterapia per salvare la vita del piccolo che portava in grembo

La storia di un grande coraggio, e di un amore infinito: la storia di una giovane mamma di origini marocchine, meno di 30 anni e residente a Castiglione delle Stiviere con il marito, che ha preferito rinunciare alle cure per il cancro così da avere la certezza di poter mettere al mondo il suo primo figlio. La donna ha perso la vita la scorsa estate, dopo aver lottato a lungo: il suo bimbo adesso ha un anno e mezzo, sano e forte.

Lo scrive la Gazzetta di Mantova: la giovane coppia aspettava con ansia la nascita del loro primogenito. La gioia che diventa tristezza: proprio quando era già incinta le viene diagnosticato un tumore, in stadio molto avanzato. L'unica speranza di salvarsi: cominciare subito la chemioterapia, ma con il rischio di far del male, molto male, al piccolo che portava in grembo.

Ci ha riflettuto a lungo, e poi ha fatto la scelta più coraggiosa di tutte: ha deciso di far nascere il suo bambino, una decisione presa insieme al marito che adesso sta crescendo il figlio da solo, ma con l'aiuto dei parenti e dei tanti amici, dei vicini di casa della piccola frazione di Castiglione dove la famiglia abita.

Il bambino è nato, un anno e mezzo fa: forse il tempo è passato troppo in fretta, la giovane madre ha cominciato le cure che l'hanno fatta sopravvivere per un po', almeno le hanno fatto vivere alcuni dei momenti più belli della crescita del piccolo. Si è arresa solo poche settimane fa, quando mancava poco al primo compleanno di suo figlio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tumore in gravidanza, rinuncia alle cure e muore per far nascere il figlio

BresciaToday è in caricamento