Tumori, i dati che fanno paura: aumentano i casi tra gli adolescenti

I dati sullo stato di salute dei bresciani diffusi dall'Ats.

Foto d'archivio

Dal 1999 al 2015 l'Ats ha registrato 115.729 casi di tumore in tutta la Provincia: la media è di 6800 all'anno. Il numero delle diagnosi sale, e ci si ammala molto di più rispetto a 20 anni, soprattutto in città: nel periodo preso in esame, solo a Brescia, sono stati riscontrati 12.122 tumori nelle donne (7 % in più degli 11.343 attesti) e 12.696 negli uomini (+ 3.6%). Questo lo stato di salute della popolazione della città, stando ai dati diffusi dall'Ats durante un convegno aperto a tutta la cittadinanza.

"Il numero di casi di tumore aumenta anche perché è diminuita la mortalità, grazie alle cure sempre più evolute e alle diagnosi precoci si sopravvive di più." ha precisato Michele Magoni, responsabile del settore epidemiologico dell’Ats. 

E i dati confermano: se le malattie oncologiche insieme alle patologie cardio-vascolari sono la principale causa dei decessi (sono rispettivamente all'origine del 31,2 % e del 32,1 % delle morti) è aumentata la speranza di vita: da 79,6 anni a 84,2 per le donne; da 71,1 a 77,9 per gli uomini. 

Non solo, è sceso il 'tasso di incidenza' relativo alle persone che si ammalano rispetto alla popolazione a rischio. Dai 903 casi di tumore ogni 100 mila uomini osservati nel 1999 si è arrivati a 647 del 2015. Più contenuta la diminuzione tra le donne (da 550 a 489).

Il tumore più diffuso è quello della mammella

Il tumore più diffuso è quello della mammella: sono 16.942 le diagnosi registrate e rappresentano il 31,7 %  delle malattie oncologiche della popolazione femminile nella nostra provincia. L’incidenza della patologia nell’Ats di Brescia risulta più alta che nel resto del Nord Italia: 170 casi ogni 100 mila persone contro i 162 delle altre regioni settentrionali. Le aree più colpite da questo tipo di cancro risultano essere la città e l’hinterland: +9% di carcinomi al seno rispetto al resto della provincia.

I dati del Sin Caffaro

Un quadro non certo rassicurante emerge dal quinto rapporto 'Sentieri' dell'Istituto superiore di sanità. L'indagine si è concentrata sulla popolazione residente nell'area del sito d'interesse nazionale 'Caffaro', cioè a Brescia, Castegnato e Passirano. I risultati evidenziano una maggiore incidenza dei tumori rispetto al resto del Nord- Ovest: nel periodo 2006 - 2013  sono la principale causa di morte e fanno innalzare il numero dei ricoveri. 

A preoccupare sono soprattutto i dati relativo all’incidenza delle patologie nei più piccoli. "Nel Sin Caffaro c’è una mortalità per tutti i tumori in eccesso in età adolescenziale" ha spiegato Amerigo Zona. Il rapporto evidenzia anche un eccesso di malattie oncologiche del sistema linfoemopoietico (leucemie, linfomi) nelle ragazze adolescenti, e un eccesso di ricoverati per leucemie, soprattutto linfoidi, nella fascia d'età tra 20-29 anni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Migliora invece il trend legato alle patologie che sono state direttamente correlate all'inquinamento da Pcb: melanoma, linfoma non Hodgkin e tumore della mammella. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla e Ines, la tragedia sulla strada per le vacanze

  • Si sente male nel suo locale, ristoratore bresciano muore mentre sta lavorando

  • Coronavirus, in Lombardia via libera a calcetto e discoteche

  • Travolta in allenamento, è morta Roberta Agosti: era la compagna di Marco Velo

  • Esce a buttare lo sporco e non torna: scomparsa giovane mamma bresciana

  • Si appoggia a un masso e precipita nel vuoto: addio a Saverio

Torna su
BresciaToday è in caricamento