rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Attualità Via Milano / Via Milano

Allarme rosso per contaminazione da cromo: la fabbrica chiude i battenti

Perdite da vasche e serbatoi: la Provincia revoca l'autorizzazione. Un altro allarme ambientale alla Caffaro di Brescia: la Procura ha aperto un'inchiesta

Perdite di cromo esavalente, la fabbrica chiude i battenti (almeno temporaneamente): la Provincia di Brescia ha infatti sospeso l'Aia, l'Autorizzazione integrata ambientale, a seguito delle segnalazioni di Arpa Lombardia sulle perdite (già accertate) di cromo esavalente da vasche e rubinetti. Sul tema anche la Procura ha aperto un'inchiesta.

Cromo e mercurio: analisi in corso

La notizia è stata resa nota ieri pomeriggio in Loggia, in conferenza stampa, alla presenza dell'assessore all'ambiente Miriam Cominelli e il direttore generale di Ats Claudio Sileo. Entrambi hanno relazionato sulle più recenti analisi legate all'eventuale contaminazione di mercurio, altro problema della Caffaro (ri)emerso in questi giorni, per operai e lavoratori: almeno in questo ambito, nessun riscontro sanitario in negativo.

Ma adesso rimane il problema della chiusura: i sindacati annunciano di volere comunque dei chiarimenti, e saranno presenti in fabbrica anche martedì mattina. Alla Caffaro di Via Milano lavorano ancora una cinquantina di persone, dipendenti della Chimica Fedeli che opera in una parte dello stabilimento – tutto il resto è abbandonato – ormai da qualche anno.

Concentrazioni fino a 10 volte oltre il limite

A detta di Arpa, e poi della Provincia con la sospensione dell'Aia, l'azienda non avrebbe ottemperato alla pulizia e alla bonifica delle vasche incriminate, quelle appunto da cui ancora oggi verrebbe sversato del cromo esavalente. La più alta concentrazione rilevata nell'acqua sfiora i 400 microgrammi per litro, quasi 10 volte oltre il limite per il consumo umano.

Solo pochi giorni fa, e proprio a causa delle perdite di cromo, nei capannoni abbandonati era stata verificata anche una vera e propria “strage” di gatti, con decine di animali morti. Non sarebbero state verificate conseguenze sulle salute umana, almeno per ora. Intanto la produzione è sospesa. E il rischio di contaminazione rimane: è bene ricordare che, ogni anno, dalla Caffaro in attesa di bonifica sgorgano veleni come cromo, solventi, Pcb, tetracloruro di carbonio, mercurio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allarme rosso per contaminazione da cromo: la fabbrica chiude i battenti

BresciaToday è in caricamento