menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L’Italia non fa più figli, ma in 10 comuni bresciani i bimbi aumentano

I dati Istat sulla popolazione bresciana: aumentano gli anziani e calano le nascite. Il “supporto” degli stranieri, i piccoli Comuni dove i dati vanno in controtendenza

L'inverno demografico non è più solo alle porte: ci siamo dentro in pieno. I dati sono incontrovertibili: la popolazione invecchia e si fanno sempre meno figli (salvo qualche rara eccezione, ma ci arriviamo). Se alziamo gli occhi al mondo intero, le stime di una crescita inarrestabile della popolazione purtroppo sono smentite: sarà il 2090 o il 2100, ma è quello il periodo – salvo eventi eccezionali – in cui la popolazione mondiale comincerà a calare di numero (e saremo forse 9 miliardi). Il primo passo verso una lenta e inesorabile estinzione del genere umano?

Prospettive catastrofiche a parte, è interessante analizzare i dati anche bresciani che sono stati diffusi in questi giorni. Mercoledì sera a Gavardo si è parlato del futuro ampliamento della casa di riposo (un progetto da oltre 9 milioni di euro): in apertura il presidente della Commissione territorio ha ricordato di come circa il 24% della popolazione italiana abbia più di 65 anni, oltre 14 milioni di persone, e che tra questi circa 5 milioni (l'8% del totale) abbiano già più di 80 anni. Solo a Gavardo sono attesi più di 2000 over 65 in più nei prossimi 20 anni.

Dati su cui non si può non riflettere: sarà un bel problema, anche dal punto di vista economico, quando il rapporto tra lavoratori e pensionati si avvicinerà all'uno a uno, cioè un pensionato per ogni lavoratore. Nel Bresciano la situazione non è certo diversa, anche se il “supporto” dei residenti stranieri (in gran parte giovani) in parte abbassa l'età media complessiva.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento