rotate-mobile
Attualità Calvagese della Riviera

E adesso gli animalisti arrivano direttamente nel paese di Blanco

Il blitz del gruppo Centopercentoanimalisti

Blitz (contro Blanco) del gruppo Centopercentoanimalisti a Calvagese della Riviera, il paese natale dell'artista bresciano classe 2003: gli attivisti del movimento da sempre associato alla destra (circostanza smentita dai diretti interessati, nonostante uno dei fondatori sia stato candidato sindaco a Padova per Forza Nuova) hanno appeso uno striscione sulle ringhiere esterne del municipio. "Blanco, gli animali non sono oggetti", recita il claim scritto con lo spray. Per la cronaca, lo striscione è stato rimosso in pochi minuti dalla Polizia Locale.

La nota degli animalisti

"Non ci interessa discutere delle qualità artistiche di Blanco - si legge in una nota di Centopercentoanimalisti - né sulla performance distruttiva delle rose di Sanremo. Nel videoclip del brano presentato al Festival si presenta vestito come un guerriero, con la corazza prima e in mutande dopo, che torna a casa e trova ad attenderlo un cane blu. Un cane tinto veramente di blu: non un effetto scenografico, ma un animale col mantello dipinto di quel colore. La mania di colorare gli animali non è nuova e non è certo da incoraggiare. Anche quando il colore non è tossico, comporta comunque fastidio e disturbo per l'animale. Blanco ammetta l'errore fatto e dimostri di non essere un contenitore vuoto manovrato dai suoi manager".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E adesso gli animalisti arrivano direttamente nel paese di Blanco

BresciaToday è in caricamento