rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
Attualità Bagnolo Mella

"Quando cucino combatto il mio dolore": la storia di rinascita della giovane Clara

La battaglia di Clara (28 anni) con la fibromialgia

Convive con dolori lancinanti e una stanchezza cronica da molti anni. Disturbi non associati a una patologia, almeno fino all’estate scorsa, quando anche un’azione di routine, come sollevare una busta della spesa, si è rivelata per lei impossibile. Il campanello d’allarme è suonato al supermercato: "Il sacchetto mi è caduto dalle mani: improvvisamente non avevo più la forza di tenerlo", ci racconta Clara Bellotti che a soli 28 anni si è trovata a fare i conti con una non facile diagnosi di fibromialgia (malattia reumatica non infiammatoria caratterizzata da dolore cronico diffuso) . 

La diagnosi e i disturbi alimentari

Raccontiamo la sua storia di sofferenza e rinascita proprio in occasione della Giornata mondiale della fibromialgia, che si celebra venerdì 12 maggio. Come la maggior parte delle 2 milioni di persone colpite da tale patologia in Italia, Clara si è sentita per molti anni una malata immaginaria: c’erano i dolori e la stanchezza persistente, i disturbi del sonno e dell’intestino ma non conosceva la causa che li originava. E anche per lei il percorso verso la diagnosi non è stato semplice, perché a tutt’oggi non si basa su indicatori certi: non ci sono analisi del sangue o delle urine che possano rilevare un valore specifico, non si vede nulla da biopsie, risonanze magnetiche, o Tac.

Un cammino che diventa ancora più in salita dopo l’accertamento della patologia: "Dalla fibromialgia non si guarisce, ma bisogna conviverci per tutta la vita - ci spiega la 28enne - e non esiste una cura universale, ogni persona ha un percorso specifico da seguire. All’inizio è stata durissima, anche perché per cercare di non infiammare ulteriormente il mio organismo ho cercato di cambiare la mia alimentazione, ma ho fatto di testa mia e sono incappata in un problema molto più grande, cominciando a soffrire di anoressia".

Il blog per reagire e aiutare gli altri malati

Come spesso accade, Clara ha trovato una forza interiore - che forse nemmeno lei si immagina di possedere - proprio per risalire dal baratro più profondo della sua vita. Si è aggrappata a una passione, quella per la cucina, trasformando l’attenzione all’alimentazione in un percorso di rinascita. Da qualche mese ha aperto un blog sui social - Health with Clara su Instagram, Clara Alimentazione Sana su Facebook - dove condivide ricette di piatti salutari con chi lotta continuamente contro una malattia invisibile ai più e di fatto non ancora del tutto riconosciuta. La fibromialgia non è infatti stata inclusa nei Lea: i livelli essenziali di assistenza, che riconoscono le malattie croniche invalidanti e quelle rare, dando così la possibilità, a fronte di una diagnosi, di avere diritto a esenzioni economiche e aiuti.

"A un certo punto mi sono detta che dovevo fare qualcosa, dovevo reagire e non soffermarmi ad ascoltare ogni minimo dolore del mio corpo: la mia soluzione è stata impegnarmi in cucina, a preparare dolci e altri piatti sani. Frequentavo un gruppo di auto-aiuto e mi accorgevo che molte persone si sentivano sole e in preda allo sconforto. Così mi sono detta: perché non insegno quello che ho imparato aprendo un blog di cucina e di ricette?”.

Detto, fatto: dalla cucina del suo appartamento di Bagnolo Mella, Clara dispensa ricette ma anche parole di conforto alle tante donne e ragazze che la seguono (ha raggiunto un migliaio di follower in pochi mesi): "Molte di noi si sentono sole e non capite, anche dalle persone vicine, perché la malattia non è evidente: appariamo come persone normali, ma anche il minimo sforzo ci costa un'enorme fatica. Io sono fortunata, perché mio marito mi supporta tantissimo, ma non è così per tutte (la sindrome colpisce per la maggior parte donne ndr) e io cerco di aiutarle concretamente. Posto la ricetta di un dolce per spronarle a replicarlo, in modo tale che facciano qualcosa per sé stesse e si dimentichino, anche se per poco tempo, dei dolori, reagendo alla sensazione di affaticamento perenne". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Quando cucino combatto il mio dolore": la storia di rinascita della giovane Clara

BresciaToday è in caricamento