rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Attualità

Sito del Comune hackerato, i pirati alzano il tiro: chiesti 3 milioni di euro in bitcoin

Attacco al sistema informatico comunale: gli hackers hanno chiesto un riscatto da 3 milioni di euro.

Verso la fine di marzo il sistema informatico del Comune di Brescia ha subito un attacco da parte di un hacker. Il virus ha messo fuori uso non solo il sito web istituzionale, ma anche tutti i servizi online: pratiche, pagamenti, certificati, così come le comunicazioni della centrale operativa della polizia locale. 

Consci dell'enorme disagio procurato, i pirati informatici hanno ulteriormente aumentato il prezzo del "riscatto": 55 bitcoin, ovvero circa 3 milioni di euro, che la Loggia non ha nessuna intenzione di pagare. I dati contenuti nei server non dovrebbero essere a rischio, in quanto l’attacco non ha causato una fuoriuscita dei dati, ma li ha semplicemente resi irraggiungibili; i dati sensibili, invece, restano disponibili e protetti. 

Nel frattempo Palazzo Loggia sta già programmando una serie di investimenti per aumentare il livello di sicurezza. Con i 500mila euro attinti dal fondo di riserva deliberato dalla Giunta, inoltre, si sta cercando di ripristinare i servizi essenziali. Entro fine mese il disguido dovrebbe essere risolto e il sistema dovrebbe ripartire.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sito del Comune hackerato, i pirati alzano il tiro: chiesti 3 milioni di euro in bitcoin

BresciaToday è in caricamento