menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il castello di Brescia (instagram@bresciamusei)

Il castello di Brescia (instagram@bresciamusei)

Pazza idea, ma non troppo: un ascensore inclinato per raggiungere il castello

Percorso sotterraneo e panoramico, da Fossa Bagni al Piazzale della Locomotiva: prende forma il progetto dell’ascensore obliquo per il castello di Brescia

Un sistema meccanizzato pedonale, dunque un ascensore, meglio se obliquo (o inclinato) per trasportare turisti e visitatori dalla Fossa Bagni al castello di Brescia in meno di un minuto: è questo il progetto, che si fa sempre più concreto, rilanciato in questi giorni dagli Amici del Cidneo, e di cui si parla (appunto, concretamente) ormai da un paio d’anni. Un progetto preliminare è stato infatti già presentato dal Comune anche alla Soprintendenza, con un primo via libera (preliminare anche questo).

Una storia lunga più di mezzo secolo

Il progetto dovrà per forza di cose coinvolgere non solo il Comune, ma anche Brescia Mobilità (che potrebbe occuparsi della progettazione esecutiva e della direzione lavori in fase di realizzazione) e la Fondazione Brescia Musei, che si occupa della gestione del millenario maniero cittadino. Una storia che comincia da lontano: di un ascensore, di una funicolare e di altre curiose amenità, se ne parla ormai da più di mezzo secolo.

Il progetto

Il progetto di cui si discute è stato redatto in particolare dalla Commissione Mobilità degli Amici del Cidneo: riprende a grandi linee un’idea che era già stata messa nero su bianco, negli anni ’90, da Brescia Trasporti. L’ascensore inclinato, ispirato a quelli presenti in tante città del mondo, anche italiane, dovrebbe partire da Fossa Bagni e arrivare fino alla Torre di Mezzo.

A pieno regime, l’ascensore inclinato potrebbe trasportare fino a 600 persone all’ora: tempo di percorrenza, circa, un minuto. Per realizzarlo servirebbero più di 2 milioni di euro, e almeno un anno di lavori senza sosta: i costi di gestione annui sono stati quantificati in 20mila euro. Infine, il percorso: partendo da Fossa Bagni, sarebbe sia sotterraneo che panoramico.

Gli Amici del Cidneo

Gli Amici del Cidneo, come detto, hanno rilanciato la proposta nel corso dell’ultima assemblea. Sul tema dell’accessibilità in castello, si legge in una nota, “sono ormai due anni che per il Comitato Amici del Cidneo è emersa la priorità di un collegamento diretto tra la città e il suo castello: improrogabile elemento di attrattività a livello turistico e soprattutto a livello delle opportunità per i cittadini, e in grado di favorire i progetti di Fondazione Brescia Musei e dell’amministrazione comunale”.

“E’ stato elaborato – continuano gli Amici del Cidneo – dalla Commissione Mobilità del Comitato un progetto preliminare di ascensore inclinato, da Fossa Bagni al Piazzale della Locomotiva, presentato da tempo all’amministrazione comunale, a Brescia Musei, all’assessorato competente, dibattuto propedeuticamente con la Soprintendenza, e in diversi incontri, suscitando un vivo interesse tra tutti i cittadini che sono venuti a conoscenza dell’iniziativa”. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Provincia di Brescia: morti e contagi di sabato 16 gennaio 2021

Coronavirus

Festa abusiva tra le mura di casa: 4.400 euro di multa per 11 ragazzi

Coronavirus

Barista decide di non chiudere più: già 20 multe per lui e i suoi clienti

Coronavirus

Coronavirus: a Brescia 186 casi e 17 morti, i nuovi contagi Comune per Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento