rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Animali Desenzano del Garda

Disastro aviaria sul lago di Garda: centinaia di gabbiani morti in pochi giorni

Le prime segnalazioni a Desenzano

Più di 150 a Desenzano, più di 100 a Manerba, almeno 50 a San Felice, altrettanti tra Moniga e Padenghe, a decine anche nell’Alto Garda: tante le carcasse di gabbiani morti recuperati solo negli ultimi giorni. E’ il bilancio (provvisorio) dell’epidemia di influenza aviaria che è arrivata anche sul lago: confermato il ceppo H5N1, ovvero quello a più alta patogenicità (HPAI). L’autorità sanitaria e gli stessi Comuni raccomandano la massima attenzione: il rischio per la popolazione resta basso, ma i volatili e gli animali morti non devono essere toccati o maneggiati. E’ necessario invece allertare subito gli enti preposti: Ats, Polizia Provinciale, Polizia Locale, i municipi.

Cosa succede sul Garda

Le prime segnalazioni ormai un paio di settimane fa. A Desenzano ne vennero individuati una decina nella zona della darsena Lepanto: il primo a trovarli fu Enzo Fattori, del gruppo ecologista Racmen, che ha subito segnalato la cosa al WWF Bergamo-Brescia, che a sua volta ha allertato le autorità. Nei giorni seguenti, a Desenzano, ne sono state trovate a decine e decine e in tutto il territorio comunale: dal Vò al lungolago, dalla Zattera alla Madonna della Villa a Rivoltella.

Ora l’epidemia sembra essersi spostata più a nord: in questi giorni i ritrovamenti di carcasse si sono concentrati soprattutto a Manerba (queste le zone interessate: San Sivino, Pisenze, Torchio, Romantica, isola dei Conigli) e San Felice (Baia del Vento, Gardiola e porto), ma anche a Padenghe (già 35 le carcasse recuperate) e a Moniga (circa una decina).

Le indicazioni di Ats

Il primo caso di aviaria confermato è stato segnalato a Toscolano Maderno: pochi giorni dopo è arrivata la conferma anche su alcuni volatili raccolti a Desenzano. “Sono numerose - fa sapere Ats in una nota - le positività ad influenza aviaria ad alta patogenicità, da H5N1, riscontrate nelle regioni del Nord Est (Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna) in volatili selvatici, tra le quali rientrano i recenti casi di mortalità nei gabbiani sulle rive del lago di Garda. Il rischio per la popolazione è da ritenersi basso. Ma è opportuno tuttavia raccomandare, senza alimentare allarmismi, di evitare il contatto diretto con animali selvatici, in particolare nel caso appaiano malati, moribondi o siano deceduti, e di non provvedere autonomamente all’accudimento, raccolta o smaltimento delle carcasse. Le segnalazioni di mortalità anomala devono essere fatte alla Polizia Provinciale e alla Ats competente per territorio”.

Ma in caso di eventuale contatto? “Lavarsi accuratamente le mani e lavare ad alte temperature (60 gradi) gli indumenti entrati in contatto con potenziali fonti di contaminazione, oltre ad evitare contatti con pollame d’allevamento nei tre giorni seguenti”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disastro aviaria sul lago di Garda: centinaia di gabbiani morti in pochi giorni

BresciaToday è in caricamento