Pescara-Brescia 1-1. Un pareggio che accontenta tutti. E nessuno

Il match dalle grandi premesse si conclude come nessuno si aspettava. Il Brescia rinuncia a Jonathas e schiera Piovaccari, Insigne e Immobile danzano tra gli avversari, El Kaddouri sbaglia un rigore e si spegne

Non so se qualcuno ci ha scommesso, non so nemmeno se qualcuno ne ha anche solo parlato. Tra Pescara e Brescia finisce 1-1, un gol a testa e in meno di mezzora, vantaggio biancoblu con un ottimo Piovaccari, pareggio di Immobile con un gol ancora più bello, dopo una serie di giocate firmate Insigne e Verratti. Un primo tempo in cui il Pescara ha praticamente dominato, un primo tempo in cui El Kaddouri ha avuto sui piedi il rigore del vantaggio. E poi l’intervallo, la stanchezza e il fiatone, tre palle gol per il Brescia. Onore a Piovaccari, che ha degnamente sostituito Jonathas, desaparecido dell’ultima ora.

IL MATCH – Lungimirante Zeman quando prevedeva un Brescia a una sola punta, meno lungimirante quando deve inghiottire il vantaggio biancoblu: gran palla di El Kaddouri per Piovaccari, parte largo e poi va in mezzo, si gira e di sinistro infila Anania. Reazione immediata del Pescara che ha uomini e tempi per portarsi subito avanti, grandi giocate sulla sinistra di Insigne, occasionissima per Cascione che lanciato da Nielsen per poco non segna, doppio salvataggio in due minuti, prima Salamon e poi De Maio. Il gol del pari è un capolavoro, quasi tutto di prima, tra Verratti e Immobile, autore di una rete da vedere e rivedere. Ritmi altissimi, ribaltamenti di fronte, sandwich in area e calcio di rigore per il Brescia, ma El Kaddouri prende il palo, il risultato si ferma sull’1-1. Finale decisamente più blando ma sempre Pescara, ancora Insigne prima da fuori e poi dal limite, prima alto e poi a fior di legno.

Nel secondo tempo si capisce subito che il Pescara non ne ha più, e in meno di cinque minuti il Brescia ha tre grandi occasioni per portarsi in vantaggio: clamorosa la prima, sui piedi di El Kaddouri, che a portiere battuto calcia alle stelle. Il giovane trequartista paga sul campo il rigore sbagliato, e sbaglia praticamente tutto, cose facili e cose difficili, tanto che ha pure un’altra opportunità per rimediare ai suoi errori, ma servito alla grande da Feczesin la tira addosso al portiere. In mezzo tanta noia, 22 giocatori con il fiatone e un crescente nervosismo, una lunga fila di ammoniti e il secondo giallo a Verratti, proprio nel finale. Un punto a testa, tutti a casa.

POST PARTITA – Tutto tranne che il pareggio. Sembrava dovesse finire in un altro modo, per come era cominciata, per come si correva nel primo tempo. Ma erano anche ritmi da Serie A, o forse da squadrone che si gioca obiettivi ben più importanti. E così a Piovaccari risponde Immobile, e il tabellino finisce qui. Calori e Zeman qualche frecciatina se la sono tirata prima, se la tireranno poi. Il Pescara si è dimostrato superiore, ma solo un tempo. Anzi, a conti fatti la partita potevamo vincerla. E nessuno avrebbe potuto obiettare nulla.

LE PAGELLE

LA CLASSIFICA

TABELLINO

PESCARA-BRESCIA: 1-1

PESCARA: Anania, Zanon, Capuano, Romagnoli, Balzano, Cascione, Nielsen (Kone), Verratti, Sansovini (‘81 Soddimo), Immobile, Insigne. All. Zeman
BRESCIA: Arcari, Zambelli, De Maio, Caldirola, Martinez, Salamon, Vass (’79 Rossi), Martina Rini, El Kaddouri, Piovaccari (’71 Feczesin). All. Calori

Marcatori: ‘3 Piovaccari, ’22 Immobile

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Notte da incubo dopo la pizza? Ecco perché ci viene così tanta sete

  • Incidente stradale a Dello: morto Alex Tanzini di 38 anni

  • In bicicletta sull'autostrada A4: muore sul colpo travolto da un'auto

  • Malore improvviso in casa, muore giovane mamma: "Non voglio crederci"

  • Il tragico destino di Sara, stroncata dalla malattia a soli 27 anni

  • Brutalmente ammazzata dal marito, niente sepoltura: "Lui non lo permette"

Torna su
BresciaToday è in caricamento