Il pubblico insulta l'arbitro, lui ritira la squadra: adesso l'invito a Palazzo Chigi

La lezione impartita dal giovane coach di una squadra Under 13 di basket ai genitori ultrà che avrebbero pesantemente insultato un arbitro di 13 anni. Un gesto che gli è valso un invito a palazzo Chigi

Marco Giazzi

Un post di denuncia su Facebook, il polverone mediatico, l'inchiesta federale e l'invito a palazzo Chigi. Quanto accaduto domenica mattina nella palestra delle scuole medie di Carpenedolo è una storia che ha ormai fatto il giro dell'Italia intera, suscitando non poche polemiche per quando successo sugli spalti, ma anche applausi e centinaia attestati di approvazione per il comportamento del protagonista positivo della vicenda: il coach della formazione under 13 dell'Amico Basket Carpenedolo.

Sotto i riflettori e presto a palazzo Chigi, dove è stato invitato dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti, c'è l'allenatore e studente poco più che ventenne Marco Giazzi.  Con la scelta di ritirare la sua squadra, che era in vantaggio di 10 lunghezze e stava vincendo la partita contro i mantovani della Negrini Pallacanestro Quintello, per mettere fine alla pioggia di insulti che dalle tribune pioveva verso un arbitro di soli 13 anni, si è guadagnato la stima di Giorgetti.

La vicenda

L'intera vicenda era stata denunciata con un lungo post su Facebook proprio dal giovane coach della squadra Bresciana, finendo poi al centro delle cronache sportive nazionali.

Ore 11:00, gara under 13 come ce ne sono tante, in casa, con il mini arbitro classe 2005 che calca i parquet per le prime volte, a due mesi dal corso - inizia così lo sfogo su Facebook dell'allenatore -. Salto a due e subito dagli spalti 'fischi solo a loro, e ma guarda, è passi, è fallo, non ci vedi?', con intensità sempre maggiore. Finisce il primo quarto, siamo sopra!".

Gli insulti all'arbitro tredicenne

"Inizia il secondo, la musica non cambia, sempre la stessa 'è un massacro, e i falli, e le mani addosso, non ci vedi, quello è antisportivo, e questo non lo vedi?'. I ragazzi si innervosiscono, aumentano le scorrettezze in modo proporzionale alle proteste del pubblico- si legge ancora nel post condiviso da Giazzi -. Siamo ancora sopra, +10, una gioia immensa visto che veniamo da 6 sconfitte consecutive, ma poco importa! Si riparte con la terza frazione, fallo tecnico a un giocatore, che ha perso le staffe. La platea impazzisce, 'tu sei un criminale, gli hai fatto male apposta', vergognati, vai a rifare il corso, quanto ti pagano?', di più, di più e ancora di più".

Dopo un brutto fallo commesso da un giocatore della squadra allenata da Giazzi, e non fischiato dall'arbitro, il coach chiama un time out e decide di provare a risolvere la questione: "Mi avvicino ai genitori sugli spalti e dico: 'vi state rendendo conto di cosa sta succedendo? Noi qui in campo stiamo giocando a basket tutti insieme, ci lasciate fare ciò che ci piace in pace? E poi, potete smettere di protestare e insultarci?' - si legge nel post - La risposta non è tardata. 'Vergognati non devi dire a noi quello che dobbiamo fare, e poi la tua squadra non gioca a basket, chiamalo rugby o pugilato, ma il basket è un'altra cosa'".

La decisione di ritirare la squadra

A quel punto la scelta che nessuno si aspettava: il coach va dall'arbitro per sospendere la partita chiedendo pure l'omologazione della sconfitta a tavolino, per 0-20, nonostante la sua squadra stesse vincendo. Una decisione che poi comunica e spiega ai suoi ragazzi: :"È stata una mia scelta il non voler giocare in questa situazione, e sinceramente né a me né ai miei ragazzi importa vincere, ma fare ciò che ci piace nel clima più sereno possibile. Non hanno perso i ragazzi in campo, ma il basket, lo sport" è l'amara conclusione e lezione  impartita ai genitori ultrà dell'allenatore.

Un comportamento piaciuto e approvato da molti, ma c'è anche chi non ha digerito il lungo sfogo del coach su Facebook. La palla passa ora alla procura federale che, per far luce su quanto realmente accaduto sul parquet delle scuole medie di Carpenedolo, ha aperto un'inchiesta.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Avatar anonimo di Voltaire
    Voltaire

    Qualche "cieffone" educativo in più a questi ragazzi non farebbe male, meglio tartdi che mai, a me dopo tanti tantissimi anni fanno ancora male le guancie! Ah se è vero che tale padre/madre trale figlio/figlia... avete capito. Cmq c'è anche da capire il loro assorbire giovanile di odio, strafottenza, maleducazione, bullismo lo avranno imparato e fatto loro sia da casa... che da fuori, basti vedere per esempio i commenti, o meglio, gli insulti che purtroppo troppo spesso si leggono qui. E questi tredicenni sono inconsapelvolmente il risultato di questo lungo processo (non inizato ieri) e che tra l'altro non capiscono nemmeno. Che vergogna per i genitori (sempre se ne hanno la dignità, si sa che alcuni sono recidivi se non controproducenti)

    • I primi da prendere a schiaffi , sono i genitori della mia età, magari me incluso, avete presente la scuola presa d assalto ogni mattina dalle auto dei genitori ? Dove i miei figli studiano , abbiamo un parcheggio enorme , a 20 metri dall'ingresso, tranquilli è sempre vuoto , preferiscono tutti intasare il traffico, troppo difficile uscire 10 minuti prima.Per non parlare di quelli che criticano gli insegnanti , dando loro dei deficienti , dall'alto della loro terza media , presa a calci in culo. Poi ci lamentiamo che crescono bimbi minkia. L'importante è sapere chi vince il grande fratello , oppure il nuovo tatoo di Belen ...

      • Avatar anonimo di Voltaire
        Voltaire

        Alessandro hai perfettamente ragione, al di là poi dei discorsi su GF o Belen... Ormai i figli sono idolatrati, sono i migliori, é sempre colpa di qualcun’altro (anche quando sanno che non é così). Non sbagliano mai e hanno sempre ragione, gli altri li conti sulla mano, così come i genitori. Che la cultura ci aiuti

  • Nn c’è niente di peggio che vedere e sentire i genitori di qualsiasi sport essi tifino, bravo il ragazzo allenatore che serva di esempio a Tutti quei genitori inferociti e ignoranti che trasformano una partita in un film dell idiozia della bassezza che l’uomo può dare diventando peggio del peggior animale inferocito sulla terra...

    • Ho visto genitori minacciare l'allenatore per una sostituzione. Categoria esordienti, bambini di 10 -11 anni

  • Beh classico spettacolo dei genitori che ,devono scaricare le loro frustrazioni ed i loro fallimenti sui figli. Poi prendersela con un bimbo di 13 anni , proprio eroico. Già ai miei tempi , portando i miei figli a giocare alle partite , mi divertivo a vedere la foga agressiva dei genitori ultrà. In una parola sembrano un ammasso di ritardati. Nulla in contrario ad incitare i propri figli , ma quando iniziano le offese e le minacce ,i figli non si divertono più. Chapeau all'allenatore piuttosto. In un gesto ha fatto capire a sti ritardati , che il basket e tutto lo sport , sono e devono restare un gioco. Poi complimenti a sti ritardati dei genitori , per l'esempio dato ai vostri figli , riba da levarvi la patria potestà , per manifesta incapacità. Insultare un ragazzino , che eroi ...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Un boato al tramonto: fuga di gas in casa, esplosione in pieno centro

  • Cronaca

    Accelera e investe con l'auto un cagnolino: ucciso sotto gli occhi della padrona

  • Cronaca

    Deejay accoltellato alla gola, è gravissimo: arrestato il giovane amico

  • Guida

    Elezioni Comunali a Brescia 2019: guida al voto

I più letti della settimana

  • La vela si chiude, parapendio precipita a tutta velocità: morto sul colpo

  • "Come un terremoto": tremano le case e la scuola, paura a San Bartolomeo

  • Una scomparsa improvvisa: addio a un giovane pizzaiolo

  • Ragazzo scomparso, tragico epilogo: trovato morto in mezzo ai boschi

  • Terribile schianto all'alba, 5 feriti e traffico paralizzato: sul posto l'elisoccorso

  • "Sporchi il sedile se appoggi le scarpe", anziano aggredito e picchiato sul bus

Torna su
BresciaToday è in caricamento