"Io tifo positivo", parte il progetto che insegna ai bambini il rispetto dell'avversario

Si tratta di un progetto che coinvolge alunni delle scuole primarie e secondarie di primo grado, insegnanti e societā sportive (dirigenti, atleti, genitori)

Diffondere la cultura del rispetto contro ogni forma di violenza e discriminazione nello sport. E'questo l'obiettivo che l'assessore allo Sport e Giovani della Regione Lombardia, Martina Cambiaghi, vuole raggiungere con 'Io tifo positivo'. 

Si tratta di un progetto che coinvolge alunni delle scuole primarie e secondarie di primo grado, insegnanti e societā sportive (dirigenti, atleti, genitori) in un percorso formativo sui temi legati al rispetto di avversari e arbitri, ad esempio, al contrasto di ogni forma di violenza verbale e fisica e alla diffusione di valori positivi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Le cronache connesse a eventi sportivi - ha affermato l'assessore regionale Cambiaghi - raccontano, spesso, di episodi relativi a risse, insulti e scontri che a volte sfociano anche in tragedia. Le misure che in questi anni sono state adottate a pių riprese non hanno dato i risultati sperati e non sono riuscite ad arginare il fenomeno della violenza. E' giusto puntare sulle nuove generazioni, con un progetto che vuole insegnare fin da bambini il rispetto dell'avversario e della sconfitta, per prevenire pericolose derive di intolleranza. Le attivitā svolte nei
contesti sportivi e nelle scuole hanno tutte questo obiettivo e vogliono diffondere una diversa cultura del tifo, attraverso la promozione dei valori dello sport e dei principi ispiratori delle relazioni umane".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente: Giulia e Claudia morte in un terribile frontale

  • Strade sommerse da un'incredibile grandinata: servono le ruspe per liberarle

  • Nuovo supermercato dopo il lockdown: sarà aperto tutti i giorni fino alle 22

  • Coronavirus: Brescia è la prima provincia italiana per nuovi contagi

  • Violenta rissa, ragazzino picchiato e lasciato ferito in mezzo alla strada

  • Drammatico schianto frontale nella notte: morte due ragazze

Torna su
BresciaToday è in caricamento