Violento scontro in campo, ragazzino in ospedale con l'eliambulanza

Un brutto scontro di gioco che per lunghi attimi ha fatto preoccupare: un ragazzino di 13 anni di Lecco è stato ricoverato in ospedale in elicottero, al Civile. L'incidente al campo di Calvisano

Tanta paura ma allarme fortunatamente rientrato per un ragazzino di 13 anni di Lecco, ricoverato al Civile in elicottero a seguito di un brutto scontro di gioco domenica pomeriggio a Calvisano, durante la partita di rugby under 14 in scena al centro sportivo San Michele.

Uno scontro violento e una brutta botta alla testa, che per lunghi attimi hanno fatto temere il peggio. In stato confusionale, è stato immediatamente soccorso e predisposto al trasporto in ospedale. In pochi minuti è arrivata sul posto l'eliambulanza, che è atterrata direttamente sul campo da gioco.

Il giovane rugbista è stato sottoposto a tutti gli accertamenti del caso, compresa la Tac per verificare eventuali danni o problemi neurologici. Tutto regolare, per fortuna: solo una brutta contusione ma che in qualche giorno dovrebbe rientrare.

Per lunghe ore giocatori, compagni di squadra e dirigenti delle due società (Calvisano e Lecco) sono rimasti con il fiato sospeso. In tarda serata arrivano le conferme tanto attese: il ragazzo sta bene.

Potrebbe interessarti

  • Per tutta estate il paese illumina strade e palazzi: sul lago il borgo più romantico d'Italia

  • Comune di Brescia: sedi CAAF Cgil

  • Le 5 migliori spiagge del lago di Garda

  • CAAF Cisl di Brescia: indirizzo, telefono, orari

I più letti della settimana

  • A tutta velocità, fermato dalla Polizia: a bordo c’è un bimbo che sta male

  • Si sporge dal finestrino, ragazzo cade dal furgone in corsa e muore sul colpo

  • Addio al celibato degenera nell’alcol: pene gigante contro i passanti

  • In arrivo un'ondata di caldo record: quando è previsto il picco

  • Tenta il suicidio nel ristorante dove lavora, gravissimo giovane cameriere

  • Tragica morte di ‘Ale’, la svolta: operaio indagato per omicidio colposo

Torna su
BresciaToday è in caricamento