Calciomercato, Lazio su Hetemaj, il Brescia guarda a Immobile. Contattato Maran

Maifredi rassicura i tifosi: “Pochi giorni e poi chiarezza in società”. Lucescu torna alla carica, vuole il trio d’attacco: Caracciolo tentato dal Bologna. Menichini ha rinnovato (davvero), Brescia su Maran

La strada è in salita, o forse in falso piano. Non si parla quasi più di nuova cordata, ora si parla di ristrutturazione, ristrutturazione vera. A partire dalla dirigenza, dal direttore sportivo e dall’allenatore, dall’assetto societario fino ai giocatori che l’hanno prossimo vestiranno la maglia biancoblu. Sono proprio i giocatori a non parlare, forse sanno poco o forse non vogliono sapere, ma il mercato non si ferma, il mercato non aspetta: a Brescia ci sono pezzi pregiati, la Serie A è sempre in agguato, e poi c’è Lucescu che vuole aiutare Gino Corioni, ma soprattutto vuole merce interessante per il suo Shakhtar. Gigi Maifredi sa quando è il momento di parlare: “Dobbiamo sistemare ancora delle situazioni in ballo – ha dichiarato al Giornale di Brescia – entro una settimana faremo chiarezza”. E poi su Leonardo Menichini, che ha definitivamente rinnovato con il Crotone: “Se Menichini ha rifiutato il Brescia ha fatto un grosso errore. E’ giusto che un allenatore faccia i suoi calcoli, ma Brescia rimane un’occasione da prendere al volo”.

Continua la ricerca, non troppo forsennata, di un allenatore d’esperienza e d’astuzia, che sappia trattare con i giocatori e con i tifosi, e che sappia accettare le scelte di una società che per il prossimo anno non può garantire una squadra competitiva al cento per cento. Qualche contatto e nulla più, i nomi sono ancora tanti: da Ficcadenti del Cesena (che vuole però restare in A) a Dario Marcolin, perfino Pierluigi Casiraghi e il ‘vecchio’ rivale Eugenio Corini. Il più gettonato è Rolando Maran, già passato a Brescia nel 2005-2006, ma i contatti ci sono stati? “Non ci sono mai stati contatti diretti con le Rondinelle – ha dichiarato questa mattina – Leggo solo i giornali, e chiaramente fa piacere essere accostato a panchine così importanti”. Tutto molto chiaro, ma anche tutto molto oscuro. Ma Gino Corioni aveva pensato anche a Maifredi, aveva pensato anche a Javorcic. “Il mio destino ormai è un altro”, spiega Maifredi, ma nel calcio è davvero tutto possibile.

La corposa squadra biancoblu dovrà essere sfoltita prima di acquistare. A vendite di livello non corrisponderanno però acquisti di pari potenzialità. Dall’Ucraina Mircea Lucescu sembra intenzionato a non mollare: qualche giorno fa è atterrato a Brescia, è andato a cena con Corioni, ha sondato il terreno per tre giocatori. Caracciolo ha detto no, ma il freddo campionato ucraino è pronto ad accogliere Diamanti, Konè e anche Eder. Un’occasionissima per Corioni, un’occasione per monetizzare: Donetsk è una piazza importante, si gioca la Champions League, e i proprietari hanno anche una discreta liquidità per investire. Caracciolo è corteggiato, in Italia e in Europa. Hanno chiesto di lui la Samp e il Bologna, e il suo agente conferma anche ipotesi al di fuori dalla penisola: “Quella di Andrea è una posizione in evoluzione, siamo soddisfatti anche delle offerte dall’estero. Quando sarà il momento ci metteremo d’accordo con Corioni e con la società”.

La Lazio da (quasi) Champions ha chiuso da poco l’affarone Miroslav Klose, e obiettivo di Reja è puntellare il centrocampo. Da tempo in osservazione, presto arriverà un’offerta per Hetemaj e, in caso di problemi, per Konè. Il greco è seguito anche dal Palermo. Giocatori in arrivo? Al momento nessuno, obiettivo giovani resta obiettivo giovani. Si dovrà comprare sicuramente in attacco, nei giorni scorsi qualche nome sopra le righe, magari in prestito da una big di Serie A. Un nome su tutti, quello di Ciro Immobile, attaccante della Juventus. Prime conferme, Cristiano Zanetti resta a Brescia: “Ho voglia di rivincita, l’11 luglio mi presenterò puntuale al raduno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Baci alla ragazza, finisce a processo: "Non sapevo avesse appena 12 anni"

  • Cadavere ritrovato nel lago d'Iseo: forse è la giornalista Rosanna Sapori

  • Le lacrime per mamma Laura, stroncata da un tumore a soli 38 anni

  • Stroncata dalla malattia in poco tempo, mamma Michela muore a 43 anni

  • Nel Bresciano il primo Porsche Experience Center d'Italia (da 26 milioni)

  • Malore al bar: si accascia a terra e muore sotto gli occhi di barista e clienti

Torna su
BresciaToday è in caricamento