De Maio: "Rispettiamo il Padova, ma non abbiamo paura"

"Convinzione nei nostri mezzi e nessuna paura", così dà la carica ai suoi Sebastien De Maio, prima dell'allenamento pomeridiano di ieri al Centro Sportivo San Filipp

Il Padova è una squadra da affrontare con lo stesso atteggiamento messo in campo contro lo Spezia.


Così il difensore francese del Brescia Calcio Sebastien De Maio prima del consueto allenamento pomeridiano al Centro Sportivo San Filippo: “Dovremo avere rispetto nei confronti del Padova, ma allo stesso tempo convinzione nei nostri mezzi e nessuna paura. Loro, ultimamente, sono un po' la nostra bestia nera: mi hanno infranto due sogni… Uno è stato la promozione diretta due anni fa; l’altro la speranza dei play off qualche mese fa. Speriamo che la ruota giri...” 


A proposito della condizione della squadra: “Dopo la prova opaca di Crotone, già contro la Juve Stabia le cose sono andate meglio e domenica a La Spezia la crescita è stata evidente. Nel primo tempo, contro un formazione molto forte, abbiamo mostrato carattere: se fosse finito 3-1 per noi, credo non ci sarebbe stato niente da dire.

”
Come vede De Maio il suo compagno di reparto Salamon? “Bartosz sta prendendo coscienza del ruolo. Sta cominciando a capirne i movimenti e questo lo porta ad essere più sicuro e ad avere più personalità. E in campo e fuori si vede. Secondo me potrà togliersi delle soddisfazioni, da difensore.”


Infine un benvenuto ai nuovi arrivati: “Sono arrivati due giocatori importanti, che hanno giocato diversi campionati in Serie A. Si può pensare in grande? Pensiamo per prima cosa alla salvezza, poi vedremo strada facendo…”

 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Sorpreso a rubare al supermercato, stende il commesso con un pugno in faccia

  • Cronaca

    Orrore in paese, cane morto abbandonato in un'aiuola: "È lì da due giorni"

  • Incidenti stradali

    Violentissimo schianto sulla Provinciale: giovane centauro grave in ospedale

  • Cronaca

    Liberato dopo 3 anni: "Mi hanno drogato e rapito". Ma adesso finirà ai domiciliari

I più letti della settimana

  • Professore si suicida in palestra, il corpo trovato da due studenti

  • Uccisa da un malore mentre sta pulendo casa: addio a Silvia

  • Auto sbanda in curva, poi la tragedia: chi era la vittima

  • La disperazione per la morte di Leonardo: "Eri un ragazzo speciale"

  • Si affaccia alla finestra di casa e precipita per 12 metri: muore bimba di 9 anni

  • Al volante ubriaco dopo un matrimonio, si schianta in auto con i tre figli piccoli

Torna su
BresciaToday è in caricamento