La favola del pioppo Pio: nel suo tronco è nata una piccola biblioteca

Sul lungolago di Manerba del Garda la magica biblioteca poliglotta del pioppo Pio: luci accese anche di notte grazie a un pannello solare

La nuova vita dello storico pioppo della Romantica di Manerba del Garda, affacciato sulla passeggiata quasi al confine con San Felice: ha resistito almeno un secolo, poi sul finire del 2016 una malattia l'ha fatto seccare e morire. Adesso è rimasto solo il tronco, ma è stato riadattato in modo curioso (e a dir poco unico): adesso il vecchio albero ospita una piccola biblioteca multilingue.

La favola del pioppo Pio

E' la (bella) favola del pioppo Pio, così adesso si fa chiamare: l'idea della preziosa riconversione è venuta alla scrittrice Bianca Brotto, che proprio davanti all'antico albero ci passava quasi ogni giorno. Con un pizzico di magia, possiamo immaginare che sia stato proprio il pioppo a scrivere una lettera al Comune, al sindaco Isidoro Bertini: lettera che è stata realmente consegnata e protocollata in municipio. 

La lettera inviata al Comune

“Fate di me una mini-biblioteca poliglotta – si legge nella lettera – sempre aperta e a libera disposizione dei passanti. Chi vorrà potrà prendere in prestito un testo da leggere in spiaggia, o donarmi un libro perché altri lo possano apprezzare. Vorrei che ci fossero alcuni classici della letteratura, insieme a pagine divertenti, scanzonate, appassionate, salutari, piacevoli e leggere”.

Alla fine è successo davvero: il Comune si è attivato e in poche settimane di lavoro ha svuotato parte del tronco, realizzando al suo interno lo spazio adatto ad ospitare i libri richiesti dal pioppo Pio, che adesso è il custode di tante storie, scritte su carta a imperitura memoria. Detto, fatto: così è nata la Pioppo Pio Library.

Libri anche alla sera

Funziona di giorno, ovviamente, ma anche la sera quando il sole è tramontato, grazie a un piccolo pannello solare che dà energia alle lucine che si accendono al crepuscolo. Non solo libri: c'è anche una cassetta per le lettere, dove chiunque può lasciare un messaggio, che sia dedicato a Manerba e al lago di Garda, oppure a tutto il mondo.

“Anche se le sferzate della vita possono ferire la nostra corteccia – scrive infine Bianca Brotto – o strapparci le foglie e spezzare i nostri rami, finché esisterà un tronco, sarà sempre possibile rinascere”. E bravo il pioppo Pio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

  • Si sente male all'Università, poi la situazione precipita: ragazza muore di meningite

Torna su
BresciaToday è in caricamento