Amori universitari: 5 buoni motivi per fidanzarsi con un fuorisede

Gli studenti single riservino le loro attenzioni verso i colleghi che frequentano l'università lontano dalla famiglia! I vantaggi per scegliere tra loro la propria anima gemella sono diversi e tutti molto interessanti

L'università è il luogo ideale per fare nuove conoscenze, il posto migliore in cui poter scegliere gli amici senza essere spinti da circostanze fortuite che, durante gli anni di scuola, hanno imposto determinati soggetti quali compagni di classe. 

Le aule, i bar, gli spazi immensi di un ateneo, specie quelli di una grande città, diventano così lo scenario perfetto in cui tutti, specialmente i single, possono ritrovarsi a incrociare potenziali anime gemelle che conservano una serie di pregi da prendere in considerazione quando rientrano nella cerchia dei cosiddetti 'fuorisede'.

Lo studente che frequenta l'università lontano dalla famiglia porta con sé una miniera di risorse che potrebbero arricchire la vita di chi non ha avuto la stessa possibilità di allontanarsi dalla casa dei genitori per motivi di studio.

Ecco, allora, 5 buoni motivi per cui conviene frequentare e magari fidanzarsi con un fuorisede.

- Sa badare a se stesso/a. Vivere lontano dalla mamma gli ha insegnato che se vuoi i vestiti freschi di bucato, il frigo sempre pieno, la camicia stirata, devi pensarci da solo. Per questo da un fuorisede sarà difficile sentrsi dire "sono stanco, pensaci tu".

- Sa dare il giusto peso alla libertà. Il fatto che non debba rendere conto alla famiglia, porta il fuorisede ad organizzare il proprio tempo senza vincoli di orari e giorni prestabiliti per il dovere e il piacere. Ad esempio, potrà decidere di organizzare per il partner una cenetta speciale nel bel mezzo della settimana, quando l'altro proprio potrebbe aspettarsi tutto, tranne una sorpresa del genere.

- Sa amministrare il denaro. Doversi arrangiare con il budget predisposto dai genitori lo porterà a saper gestire oculatamente i propri soldi dando il giusto valore. Certo, il rischio è che l'attenzione maniacale sconfini nella tirchieria, ma è una probabilità marginale quando il fuorisede è anche in grado di trovarsi un lavoretto per arrotondare. 

- Ha casa libera (o quasi). Vuoi mettere di poter decidere di andare a trovarlo senza l'imbarazzo di salutare papà, mamme, fratelli e sorelle? Invadenti per quanto possibile, i conquilini con cui divide l'appartamento non saranno mai così rigidi come possono esserlo i genitori!

- Non è mammone o, almeno, le possibilità che lo sia si riducono drasticamente. Il cordone ombelicale con la mamma è reciso da un pezzo, dettaglio che lascia sperare in una spiccata autonomia che fungerà da base per una vita di coppia tutt'altro che noiosa. 

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

  • Lo spioncino digitale per la porta di casa

I più letti della settimana

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Offlaga: parte un colpo di fucile, morto il 19enne Riccardo Moretti

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

  • Maltempo, non è finita. L'allerta della Protezione Civile: "In arrivo vento e forti temporali"

  • Nadia Toffa, al funerale c'era l'ex fidanzato: quando parlò di figli e matrimonio

Torna su
BresciaToday è in caricamento