Dote scuola e sostegno all'istruzione: dalla regione arrivano 286 milioni

Approvata dalla giunta regionale la delibera con cui vengono stanziati 286 milioni di euro per finanziare le misure a sostegno del sistema di Istruzione e Formazione Professionale e della Dote Scuola per l'anno scolastico 2019/20.

Approvata dalla giunta regionale, su proposta dell'assessore all'Istruzione, Formazione e Lavoro Melania Rizzoli, la delibera con cui vengono stanziati 286 milioni di euro per finanziare le misure a sostegno del sistema di Istruzione e Formazione Professionale e della Dote Scuola per l'anno scolastico 2019/20.

I contributi sono stati illustrati nella conferenza stampa tenuta dal presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana e insieme all'assessore Rizzoli. 

"Di questi risultati la Lombardia deve essere orgogliosa, dobbiamo ringraziare l'assessore Rizzoli e tutti i consiglieri che hanno contribuito a raggiungere questi traguardi importanti. Ho sempre detto e ribadisco che la formazione di qualità - ha commentato il presidente Fontana - è il futuro dell'Istruzione al quale guardiamo con grande attenzione così come fa il mondo del lavoro che altrimenti rischia di non trovare le professionalità di cui ha bisogno".

"Questo metodo - ha proseguito Fontana - che così bene è stato applicato dall'assessore Rizzoli, riesce a dare le risposte che le aziende chiedono. Sottolineo che gli studenti dei nostri centri di formazione e presso gli istituti superiori che offrono istruzione qualificata trovano sbocchi lavorativi pressochè immediati dopo il conseguimento del titolo di studio". 

"Bisognacontinuare su questa strada, sono molto contento dei traguardi raggiunti - ha proseguito il presidente Fontana - e lavoreremo per fare, se possibile, ancora meglio".  

"Non importa quante volte può cambiare il governo nazionale - ha commentato Rizzoli - né il mare di incertezze in cui nuota di questi tempi la politica: per la Lombardia contano le scelte, e perché i lombardi abbiano fiducia nel futuro e siano certi di non essere abbandonati, le scelte devono essere stabili e coerenti". 

"E' il motivo per cui questa delibera, che non si limita a stanziare fondi, ma che delinea le politiche generali su istruzione e formazione - ha proseguito - è in stretta continuità con quelle del passato: perché erano e sono idee buone, che hanno dato e continueranno a dare frutti". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un sistema di contributi e riconoscimenti incardinato su alcuni principi: 
"Noi crediamo", ha aggiunto l'assessore Rizzoli, "in una formazione professionale di alta qualità, che porti per sua natura verso il lavoro; sosteniamo economicamente la libertà delle famiglie di scegliere i percorsi educativi per i figli, garantita dalla legge ma poi quasi mai sostenuta dallo Stato. E una famiglia che sa di poter contare su un contributo certo, può fare scelte più libere. Così come crediamo che sia giusto premiare gli studenti meritevoli, e soprattutto teniamo nella massima considerazione i problemi delle famiglie con figli
disabili".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente: Giulia e Claudia morte in un terribile frontale

  • Strade sommerse da un'incredibile grandinata: servono le ruspe per liberarle

  • Nuovo supermercato dopo il lockdown: sarà aperto tutti i giorni fino alle 22

  • Coronavirus: Brescia è la prima provincia italiana per nuovi contagi

  • Violenta rissa, ragazzino picchiato e lasciato ferito in mezzo alla strada

  • Drammatico schianto frontale nella notte: morte due ragazze

Torna su
BresciaToday è in caricamento