Percorsi di formazione professionale, in aumento i fondi destinati alla Lombardia

Gli investimenti di Regione Lombardia nel comparto, rispetto al 2017/18, sono aumentati di 8,1 milioni di euro.

Sono aumentati a oltre 66 milioni per il 2018 i fondi assegnati alla Regione Lombardia per i percorsi di Istruzione e Formazione Professionale in base al decreto di riparto deciso dal Ministero per l'Istruzione, Università e Ricerca. Nel 2017, infatti, erano quasi 64 milioni.

"C'è una ragione per cui la Lombardia si conferma come la prima Regione per risorse ricevute dallo Stato per l'Istruzione e Formazione professionale: è il nostro impegno, anno dopo anno, giorno dopo giorno, nel migliorare e aumentare l'efficacia del nostro sistema, grazie a un'attenzione capillare ai cambiamenti della società e del mercato, a una relazione stretta e produttiva con le aziende del nostro territorio" ha commentato l'assessore regionale a Istruzione, Formazione e Lavoro.

"I fondi erogati dal ministero a Regione Lombardia per i percorsi IeFP sono lo specchio di una realtà virtuosa e in continua evoluzione", ha proseguito.

"La Lombardia - ha detto ancora - è la prima Regione per numero di studenti che arrivano a qualifica o diploma. Vengono così valorizzati i risultati, il successo formativo degli enti. Un sistema che intendiamo rendere sempre più competitivo grazie alla componente duale, sulla quale ci aspettiamo di essere analogamente "ricompensati" dal livello nazionale".

Per quanto riguarda i numeri, sono 64.750 i ragazzi che si formano nei percorsi di IeFP lombardi nell'anno formativo in corso; e gli investimenti di Regione Lombardia nel comparto, rispetto al 2017/18, sono aumentati di 8,1 milioni di euro.

"Queste risorse sono non solo un riconoscimento della validità della formazione lombarda - ha rimarcato l'assessore regionale - ma sono anche effetto del lavoro che abbiamo svolto presso la IX Commissione delle Regioni: abbiamo spinto per ottenere criteri di riparto che premiassero i sistemi più strutturati, che riescono a garantire non solo percorsi presso i Centri di formazione professionali accreditati (Cfp), ma anche la loro conclusione con il raggiungimento di un titolo".

"Ora, è necessario che lo Stato manifesti più attenzione, a livello nazionale, per questa realtà, che è una delle basi della rinascita della nostra economia: la gestione e la crescita di questi settori della formazione - ha concluso - sono rese problematiche dall'esiguità dei fondi a disposizione che sono insufficienti per la gestione di sistemi consolidati, ma soprattutto rendono molto difficoltoso un cambio di passo da parte di sistemi meno maturi anche se con un potenziale importante".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Serpente di un metro e mezzo in classe: panico tra i bimbi della scuola elementare

  • Parcheggia l'auto, poi cammina in mezzo all'autostrada: ucciso da un tir

  • Ucciso dal cancro: fino all'ultimo Luca ha voluto gli amati cani al suo fianco

  • Donna trovata morta nel canale: potrebbe essere stata uccisa

  • Attraversa l'autostrada, ucciso da un tir: famiglia devastata, era padre di due bimbi

  • Fabio Volo nella bufera per i commenti su Ariana Grande: la sua replica

Torna su
BresciaToday è in caricamento