Un gruppo di super esperti al fianco di Gallera per lo sviluppo del sistema sanitario lombardo

Gli esperti lavoreranno principalmente su 4 punti chiave: il completamento del nuovo modello di presa in carico dei pazienti cronici; il riordino della rete di offerta; il contenimento dei tempi di attesa; il rafforzamento del percorso di integrazione ospedale-territorio.

Un nuovo 'Comitato di esperti' di alto profilo professionale in campo sanitario il cui compito sarà quello di supportare l'assessore al Welfare Giulio Gallera e la Direzione Generale competente nel processo di sviluppo del sistema sanitario lombardo. 

Ad annunciarne la nascita è lo stesso assessore che ricorda come "Regione Lombardia al fine di dare una risposta concreta ai nuovi bisogni emersi a seguito del mutato quadro epidemiologico, già dal 2013, è impegnata in un percorso di evoluzione del suo sistema sociosanitario. Ho pensato quindi di istituire un Comitato di esperti che possa essere un luogo di riflessione e approfondimento su alcuni temi chiave di questo percorso, che rappresentano obiettivi primari in questa legislatura".

"L'evoluzione del sistema sanitario lombardo - ha sottolineato l'assessore - ha avuto come atto fondamentale la Legge Regionale 23 del 2015 contenente due principi cardine: il collegamento ospedale-territorio e l'attuazione della presa in carico del paziente cronico. In questa nuova legislatura, stiamo continuando questo percorso di evoluzione e ci stiamo concentrando, oltre che sulla piena attuazione della presa in carico, anche sulla riorganizzazione della rete ospedaliera e sull'introduzione di sistemi innovativi".

Gli esperti lavoreranno principalmente su 4 punti chiave: il completamento del nuovo modello di presa in carico dei pazienti cronici; il riordino della rete di offerta; il contenimento dei tempi di attesa; il rafforzamento del percorso di integrazione ospedale-territorio.

Il Comitato di Esperti per lo sviluppo del Sistema Sanitario Lombardo è composto, a titolo gratuito, da: professor e già Ministro Girolamo Sirchia; Alberto Zangrillo, prorettore Università Vita-Salute San Raffaele; professor Giovanni Apolone, direttore scientifico Istituto Nazionale dei Tumori; professor Davide Croce,  direttore del Centro sull'Economia e il Management in Sanità e nel Sociale della Liuc; professor Silvio Garattini, fondatore dell'Istituto Mario Negri;  Gianvincenzo Zuccotti, preside della Facoltà di Medicina Università degli Studi di Milano; professor Francesco Longo, Università Bocconi.

"Credo che questo 'Comitato di esperti' - ha sottolineato Gallera - a fronte anche delle difficoltà che sta vivendo il Sistema Sanitario Nazionale a causa della scarsità delle risorse e degli eccessivi tagli su personale sanitario, possa dare il giusto apporto al cambiamento in atto. Sono convinto ci siano le condizioni perché il nostro sistema organizzativo possa divenire il modello cui ispirarsi per l'evoluzione del modello nazionale che dovrà per forza fare i conti con i cambiamenti in atto".

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Pannelli fotovoltaici a Brescia: come funzionano e quali sono i vantaggi

  • Alla scoperta del Sentiero delle Grotte, gioiello nascosto del Lago d'Iseo

I più letti della settimana

  • Nadia Toffa, al funerale c'era l'ex fidanzato: quando parlò di figli e matrimonio

  • Da un piccolo allevamento a un impero da 50 milioni: morta Elvira Crescenti

  • Ragazzo di 16 anni gravissimo dopo un tuffo: trauma spinale, rischia la paralisi

  • Esce dalla villa per andare in edicola, imprenditore travolto e ucciso da una moto

  • Bambina bresciana sparisce in spiaggia, incubo per mamma e papà

  • Lui è in gravi condizioni, rischia di morire: marito e moglie sposi in ospedale

Torna su
BresciaToday è in caricamento