Firmata l'intesa tra la Regione e i medici di base, Gallera: "Evento epocale"

"Viene valorizzata la presa in carico del paziente cronico" ha aggiunto l'assessore regionale al Welfare Giulio Gallera

E' stato siglato l'accordo integrativo regionale che finalizza 32 milioni di euro previsti dalla Convenzione nazionale per i Medici di Medicina Generale e i Pediatri di Libera scelta per il raggiungimento di obiettivi strategici del governo clinico che può valere fino a 4700 euro annui per ogni medico. Affinché tale risultato sia assolto, i medici dovranno adempiere ad uno dei seguenti progetti: chiamata proattiva dei propri assistiti pazienti cronici ai fini della presa in carico, partecipazione all'offerta vaccinale e ai programmi di screening oncologico. L'accordo è stato firmato dai rappresentanti della Direzione Generale Welfare della Regione Lombardia e, finora, dai rappresentanti sindacali di FIMMG e SNAMI.

"Si tratta di un evento epocale - ha commentato l'assessore regionale al Welfare - che garantirà un nuovo impulso all'attuazione della nostra riforma sanitaria, rafforza il Medico di medicina generale quale clinica manager e interlocutore privilegiato con il proprio pazienti. Viene riconosciuto il sostegno per le forme associative e l'assunzione di personale di studio (assistenti, infermieri) con una finalizzazione di spesa fino a 12 milioni. L'intesa va inoltre nella direzione di una reale integrazione e sinergia con le strutture ospedaliere".

"Viene valorizzata la presa in carico del paziente cronico - ha proseguito l'assessore - e incentivata la redazione dei PAI (Piani di Assistenza Individuale), per il quale il contributo passa da 10 a 15 euro a fronte di obiettivi specifici raggiunti". In applicazione di questo accordo e ai fini di quanto previsto dal PAI il medico di famiglia può disporre, anche con l'utilizzo della telemedicina, prestazioni specialistiche e diagnostiche ben definite che verranno retribuite in base alla propria specializzazione e alle rispettive dotazioni tecnologiche.

"Un elemento, questo - ha aggiunto l'assessore al Welfare - che contribuisce alla riduzione delle liste d'attesa perché diversifica i centri di erogazione delle prestazioni". L'assessore al Welfare ha definito inoltre l'accordo integrativo "moderno, innovativo ed efficace" in tema di prevenzione.

"Le stesse Agenzie per la Tutela della Salute - ha rimarcato - vedranno rafforzato il proprio ruolo di regia di queste attività e di coordinamento fra i medici di base e le Aziende socio sanitarie territoriale".

L'intesa sarà sottoposta alla Giunta Regionale con la quale si è rinnovato l'impegno a riconoscere la centralità del MMG nel nuovo modello di presa in carico.

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Pannelli fotovoltaici a Brescia: come funzionano e quali sono i vantaggi

  • Alla scoperta del Sentiero delle Grotte, gioiello nascosto del Lago d'Iseo

I più letti della settimana

  • Nadia Toffa, al funerale c'era l'ex fidanzato: quando parlò di figli e matrimonio

  • Da un piccolo allevamento a un impero da 50 milioni: morta Elvira Crescenti

  • Ragazzo di 16 anni gravissimo dopo un tuffo: trauma spinale, rischia la paralisi

  • Esce dalla villa per andare in edicola, imprenditore travolto e ucciso da una moto

  • Bambina bresciana sparisce in spiaggia, incubo per mamma e papà

  • Lui è in gravi condizioni, rischia di morire: marito e moglie sposi in ospedale

Torna su
BresciaToday è in caricamento