Teatro alla Scala, respinta l'offerta dei sauditi, Fontana: "condivido la scelta"

Lo ha detto il governatore della Lombardia, che ha aggiunto: "Il Cda ha agito in autonomia"

"Ho grandissimo rispetto per la decisione del Consiglio d'Amministrazione del Teatro alla Scala che, come è suo compito, ha deliberato in estrema autonomia. È una scelta che condivido".  Così il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana ha commentato la decisione di non far più entrare i sauditi nel consiglio d'amministrazione della Fondazione Teatro alla Scala.

I fondi già arrivati (in anticipo rispetto alle comunicazioni al consiglio stesso) verranno restituiti: si tratta di 3 milioni di euro depositati presso un notaio milanese. "Mi ero espresso in termini molto duri - ha spiegato Fontana - rispetto alla improvvisa scoperta dell'arrivo di denaro, un fatto inopportuno che, mi pare lampante, è stato ribadito anche dallo stesso Cda". 

Potrebbe interessarti

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Come smettere di fumare

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

I più letti della settimana

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Ubriaca fradicia di primo mattino, ragazza soccorsa da un'ambulanza

  • Offlaga: parte un colpo di fucile, morto il 19enne Riccardo Moretti

  • Blitz della Locale dal parrucchiere, scattano i sigilli

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

Torna su
BresciaToday è in caricamento