Problemi finanziari, il Comune viene sciolto e commissariato

La fine del “governo” di Giuseppe Previ a Soiano: il prefetto ha disposto la procedura di scioglimento del consiglio comunale. Nominato un commissario: forse si vota in primavera

Problemi di bilancio, il Comune viene commissariato: succede anche nel Bresciano, nella piccola Soiano che da qualche ora ufficialmente non ha più un sindaco, una maggioranza, una giunta e un consiglio comunale. Non che il consesso sia già stato sciolto, chiaro: ma il Prefetto Annunziato Vardè ha già avviato la procedura per lo scioglimento, e intanto ha nominato il suo vice – Salvatore Pasquariello – quale commissario per la gestione provvisoria dell'ente.

Il “governo” della giunta di Giuseppe Previ è durato meno di 15 mesi: erano stati eletti e proclamati nel giugno del 2016. Non pochi i problemi lungo il cammino: l'ultimo, in ordine di tempo, la mancata approvazione dell'assestamento di bilancio per il voto contrario di tre ormai ex componenti della maggioranza, i consiglieri Mara Bonomelli, Marco Canziani e Sergio Maggi.

Proprio la mancata approvazione dell'assestamento nei termini di legge aveva fatto mobilitare la Prefettura: prima del commissariamento “ufficiale”, quello che è stato comunicato martedì sera, il prefetto Vardè aveva nominato un Commissario ad acta, Franca Di Rubbo, chiamato ad adottare i provvedimenti relativi alla salvaguardia degli equilibri di bilancio del Comune.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Un paese fantasma: chiude l'ultimo negozio, a rischio anche l'unico bar

  • Dramma in una cascina: trovato morto uomo di 56 anni

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Tragedia avvolta nel mistero: cadavere trovato in autostrada, lungo la corsia di sorpasso

  • Una sterzata disperata, poi lo schianto contro l'albero: così è morta Celeste

Torna su
BresciaToday è in caricamento