"Via la cittadinanza onoraria a Benito Mussolini": la discussione infiamma il Comune

Dibattito acceso, mentre si avvicina il consiglio comunale dell'8 aprile in cui si discuterà della revoca della cittadinanza a Benito Mussolini

Sarà un consiglio comunale “caldo”, quello del prossimo 8 aprile a Salò: nella seduta consiliare verrà infatti discussa (e votata) la mozione presentata dal consilgiere di “Scelgo Salò” Stefano Zane in cui si chiede la revoca della cittadinanza onoraria a Benito Mussolini.

La mozione di Zane

“Siamo venuti a conoscenza che nel 1924 è stata concessa la cittadinanza onoraria a Mussolini – scrive Zane nella mozione – Tale concessione, mai revocata, rappresenta a livello storico e politico un grande significato, tenuto conto in particolare degli eventi che portarono Salò a rappresentare uno dei momenti più bui della nostra storia. Con la presente mozione si chiede che il consiglio comunale revochi tale cittadinanza onoraria”.

E' di poche ore fa anche il sostegno all'iniziativa firmato dall'Anpi Medio Garda, che raccoglie i circoli di Salò, Roè Volciano, Gardone Riviera, San Felice, Puegnago, Manerba, Polpenazze e Soiano. “Non possiamo che appoggiare la mozione per il cancellamento della cittadinanza onoraria a Mussolini”, scrive il presidente Antonio Bontempi.

La lettera dell'Anpi

“E' un gesto simbolico, che non costa nulla attuare. Diversamente da chi già si arrampica sugli specchi, non lo riteniamo assolutamente un capriccio politico o un gesto inutile: lo riteniamo anzi un gesto necessario, peroprio in questo periodo, soprattutto da parte del Comune di Salò”.

“Invitiamo pertanto i consiglieri comunali a questo piccolo gesto, appoggiando la mozione Zane e votando quindi per la cancellazione dell'onorificenza a Mussolini, ma di farlo come punto di partenza per porre più attenzione alle dinamiche in corso, per un maggiore impegno nel loro contrasto e per rifiutare le numerose ambiguità cui assistiamo anche da parte di istituzioni”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • Ma a queste persone, non passa nient’altro per la testa che continuare a discutere per queste cagate? Guardassero il traffico del weekend durante le belle giornate di sole...l’impossibilità di parcheggiare la macchina, il costo dei parcheggi...non alla cittadinanda di Mussolini

  • si... Però i consiglieri e le varie cariche pubbliche impegnate in questa importantissima questione scoperta oggi dal lontano 1924 sono pagati dai contribuenti.

  • ANCHE CHI COMMENTA QUESTA NOTIZIA NON HA UN CACXO DA FARE... ME COMPRESO! etyiugsdfgjkklpsdghjkltyuo

  • Avatar anonimo di Luca
    Luca

    Concordo con Filippo. I problemi impellenti a Salò non mancano e sono altri. Di sicuro non è urgente revocare la cittadinanza onoraria a Mussolini, a 74 anni dalla morte!! Cosa che , tra l'altro, nessuno sapeva. Neppure tutte le ANPI che adesso appoggiano con grande passione l'assessore Zane, che ovviamente a poco altro da fare nella vita....

  • Infatti! Al di là del valore più o meno importante dal punto di vista simbolico,abbiamo presente i veri problemi reali,attuali con cui tutti i giorni facciamo i conti? Quelli sanitari e sociali per primi!!!!!!!

  • Concordo!!

  • Sono queste le priorità da discutere in consiglio comunale? Cemento, stazione pullman di Largo Dante Alighieri, spaccio, liti fra extracomunitari, vandalismo....ecc. Nooo, prima bisogna revocare la cittadinanza onoraria a Benito Mussolini. Sono perplesso.

    • Avatar anonimo di Alissa
      Alissa

      Infatti assurdo... 

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Sette chilometri di percorso nei boschi: ecco la ciclabile della Valgrigna

  • Cronaca

    Si tocca le parti intime davanti a una ragazza: preso dopo tentativo di fuga

  • Cronaca

    Una scomparsa improvvisa: addio a un giovane pizzaiolo

  • WeekEnd

    Cosa fare a Brescia dal 19 al 22 aprile: i migliori eventi del weekend di Pasqua

I più letti della settimana

  • La terra trema nel Bresciano: scossa di terremoto nella notte

  • Drammatico frontale tra auto, donna muore in un groviglio di lamiere

  • Stroncato da un male incurabile, muore in pochi mesi: lascia moglie e giovani figli

  • "Come un terremoto": tremano le case e la scuola, paura a San Bartolomeo

  • "Sporchi il sedile se appoggi le scarpe", anziano aggredito e picchiato sul bus

  • Cercasi gestore per il chiosco del parco: bastano 250 euro al mese

Torna su
BresciaToday è in caricamento