Fascisti in consiglio comunale: caso nazionale, interviene il Ministero dell’Interno

A pochi giorni dalle elezioni amministrative il Ministero dell'Interno ha aperto un'inchiesta sull'elezione di tre rappresentanti del Partito Socialista Nazionale al consiglio comunale di Mura

Saluto romano dei militanti di Fascismo e Libertà

Fascisti su Marte? Niente affatto, fascisti su Mura. Il piccolo paese della Valsabbia si è guadagnato suo malgrado le pagine delle cronache locali e non: a seguito dell'ultima tornata elettorale (con la bellezza di 41 voti guadagnati sul “campo”) in consiglio comunale ci saranno anche tre rappresentanti del movimento Fascismo e Libertà, candidati per il Partito Socialista Nazionale.

Una cosa che a tratti fa sorridere, ma a tratti anche rabbrividire: per questo il Ministero dell’Interno ha aperto un'istruttoria sul caso. Il prefetto appena nominato Annunziato Vardè ha già inviato a Roma i dettagli della vicenda.

La candidatura di Mirko Poli (appunto, di Fascismo e Libertà) nel piccolo Mura fin dagli esordi è diventata un caso politico: sul tema è stata presentata anche un'interrogazione parlamentare a firma del deputato Luigi Lacquaniti, ex Sinistra Ecologia e Libertà e ora tra le file del Partito Democratico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Un paese fantasma: chiude l'ultimo negozio, a rischio anche l'unico bar

  • Dramma in una cascina: trovato morto uomo di 56 anni

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Tragedia avvolta nel mistero: cadavere trovato in autostrada, lungo la corsia di sorpasso

  • Una sterzata disperata, poi lo schianto contro l'albero: così è morta Celeste

Torna su
BresciaToday è in caricamento