Terremoto in municipio: arrestati sindaco, consigliere comunale e dirigente

Trema il municipio di Cimbergo: arrestati il sindaco Polonioli, la responsabile dell'Ufficio tecnico, un consigliere comunale, due imprenditori

L'intervento dei Carabinieri - (C) Bresciatoday.it

La notizia è di poco fa: lunedì mattina, al termine di un'articolata attività investigativa, i militari della Compagnia di Breno, in collaborazione con i Carabinieri Forestali, hanno eseguito cinque provvedimenti di custodia cautelare agli arresti domiciliari e dieci obblighi di presentazione all'autorità giudiziaria. L'ordinanza è stata emessa dal Gip del Tribunale di Brescia su richiesta della Procura, per i reati di libertà degli incanti e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, nell'ambito della celebre inchiesta sugli appalti pilotati in Valcamonica.

Arresti eccellenti

In manette, come detto, ci sono finite cinque persone: tra di loro il sindaco del Comune di Cimbergo Gianbettino Polonioli, un consigliere comunale la cui identità non è stata ancora resa nota, la responsabile dell'Ufficio tecnico comunale e due imprenditori locali. Ci sono poi altri dieci indagati, tutti attivi nel settore dell'edilizia, ritenuti responsabili – si legge in una nota dei Carabinieri – “di aver falsato o simulato la loro partecipazione alle gare”.

Le indagini

Le indagini condotte dai Carabinieri e dirette in ogni fase dall’Autorità Giudiziaria, avrebbero rilevato gravi irregolarità nella gestione delle gare di appalto e dell’assegnazione dei lavori di tre distinte opere pubbliche, nonché evidenziato manipolazioni ad hoc delle operazioni legate alla gestione delle offerte per l’attuazione dei cantieri, al fine di favorire ditte amiche e compiacenti.

Dei tre appalti pubblici incriminati, uno è inerente la riqualificazione energetica dell’edificio comunale e due relativi alla messa in sicurezza – connessa al disastro idrogeologico - del torrente Varecola Figna, per un importo complessivo di circa un milione e mezzo di Euro.

Bandi e appalti anomali

Sotto la lente degli inquirenti e della magistratura bresciana sono finite le aggiudicazioni dei lavori con ribassi irrisori, l’anomala e immediata saturazione dei posti dopo la pubblicazione dei bandi, senza di fatto dare la possibilità ad altre aziende di avanzare la loro candidatura alla procedura di appalto, oltre alla presentazione da parte delle ditte ritenute compiacenti di offerte inadeguate o irregolari, con il  fine di farsi escludere dall’iter a vantaggio dell’imprenditore cui erano stati riservati i lavori. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • E mi raccomando....se qualcuno vuole venire a vivere da noi deve rispettare le nostre leggi e le nostre "tradizioni"!!!

    • In effetti sembrerebbe come dici tu ma solo ad una superficiale valutazione. È proprio perché siamo già pieni di gente disonesta (ma aspettiamo che sia provata la loro colpevolezza in tribunale) che non abbiamo bisogno di altri individui loschi. Al contrario di brava gente, se avessimo lavori da dare, ci attornieremmo più i meno con tranquillità. Ma con ingressi regolari e meritocratici non con accoglienza da barconi al solo fine di far lucrare la malavita locale e dei porti di partenza.

      • Potessi scegliere, anch'io sarei felice che arrivasse gente, onesta, istruita, magari con lauree d'eccellenza che potesse aiutare l'Italia ad emergere e diventare una potenza economica e finanziaria....Ma non siamo né gli USA, né la Gran Bretagna, né la Svizzera. Da noi questi arrivano! E siamo un popolo talmente disonesto e inaffidabile che potremmo anche smaterializzarli tutti in 1 secondo e non cambierebbe nulla. 30 anni fa i reati erano gli stessi, eravamo noi a compiere anche quelli che che in genere riguardano le classi sociali più basse. L'unica differenza è che potremmo riappropriarci anche di quei reati...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Sette chilometri di percorso nei boschi: ecco la ciclabile della Valgrigna

  • Cronaca

    Si tocca le parti intime davanti a una ragazza: preso dopo tentativo di fuga

  • Cronaca

    Una scomparsa improvvisa: addio a un giovane pizzaiolo

  • WeekEnd

    Cosa fare a Brescia dal 19 al 22 aprile: i migliori eventi del weekend di Pasqua

I più letti della settimana

  • La terra trema nel Bresciano: scossa di terremoto nella notte

  • Drammatico frontale tra auto, donna muore in un groviglio di lamiere

  • Stroncato da un male incurabile, muore in pochi mesi: lascia moglie e giovani figli

  • "Come un terremoto": tremano le case e la scuola, paura a San Bartolomeo

  • "Sporchi il sedile se appoggi le scarpe", anziano aggredito e picchiato sul bus

  • Cercasi gestore per il chiosco del parco: bastano 250 euro al mese

Torna su
BresciaToday è in caricamento