I consigli del nutrizionista di Urban Fitness

Come unire una dieta equilibrata all’allenamento fisico

Abbiamo incontrato il Nutrizionista di Urban Fitness, Giuseppe Cucinotta.

Alcuni consigli semplici e facili da seguire per chi è in sovrappeso e vuole perdere qualche Kg?

Innanzitutto è fondamentale non farsi prendere dalla fretta, spesso cattivissima consigliera in questo campo. Dimagrire non vuol dire perdere peso ma è molto più complicato e lento di quanto si possa pensare. Per dire addio ad 1 solo Kg di grasso bisogna rinunciare a diverse migliaia di Kcal.
E’ quindi necessario intraprendere un percorso duraturo che insegni a mangiare e migliorare le proprie abitudini alimentari nel tempo: iniziare una dieta a scadenza, per poi interromperla prima di passare ad un nuovo regime dietetico non ha alcun senso e può solo causare dannosi yo-yo.
Suddividere l’alimentazione giornaliera in più pasti è sicuramente una buona abitudine anche se non sempre valida per tutti. Gli spuntini a base di frutta fresca possono aiutare molto, soprattutto a ridosso dei pasti principali, a contenere la foga che ci assale non appena entriamo in cucina al termine di una stressante giornata lavorativa. Aumentare l’apporto idrico, troppo spesso sottovalutato, è fondamentale: il nostro cervello può talvolta confondere la sete con la fame, spingendoci a consumare cibi calorici quando in realtà avrebbe solo bisogno di acqua.
Bilanciare correttamente carboidrati e proteine ai pasti principali, soprattutto a colazione, permette di mantenere costante la glicemia evitando così pericolosi attacchi di fame.
Oltre a queste piccole regole alimentari è necessario abbinare un po’di movimento che, oltre ad aiutare il dimagrimento, ha notevoli benefici anche sulla salute ossea e muscolare, sul metabolismo e sul controllo dello stress psicologico.

C’è una convinzione diffusa per cui si perde peso fino a quando si rimane a dieta e lo stesso peso lo si riacquista con gli interessi quando si smette. Com’è possibile evitare tutto questo?

Il problema principale della grande maggioranza delle diete che vengono prescritte ai pazienti è che non insegnano assolutamente a mangiare ma costringono, per periodi più o meno lunghi, a limitare molto le calorie, adattandosi ad un preciso schema dietetico senza capirne realmente il funzionamento. Per evitare continui yo-yo bisogna invece imparare a mangiare e per questo è necessario imparare a conoscere i cibi che mangiamo, le loro calorie e gli effetti che hanno sul nostro corpo! Bisogna quindi diventare i “dietisti di sé stessi” E questo non è per niente facile! Anzi, richiede tempo, voglia, costanza ed attenzione, caratteristiche che spesso mancano nelle persone poco motivate o che cercano la via più semplice, veloce e poco faticosa.

E’ ovvio che il movimento ed uno stile di vita sano permettono di rendere durevole nel tempo il benessere generale. Ma “l’aperitivo del venerdì”, “la pizza del sabato sera” impediscono questo “stile virtuoso”. Consigli “non traumatici”?

Gestire gli sgarri occasionali è facile se si seguono alcune semplici regole: innanzitutto è necessario evitare di arrivare al momento clou a stomaco vuoto. Saltare il pranzo o lo spuntino in previsione dell’aperitivo serale non è sicuramente una buona idea ma è anzi controproducente e causa spesso abbuffate eccessive incontrollate. Molto meglio seguire la solita alimentazione per tutta la giornata aumentando addirittura la merenda quotidiana, inserendo uno snack a ridosso dell’appuntamento pericoloso. Con lo stomaco pieno sarà molto più facile non gettarsi a capofitto sulla prima cosa commestibile che troviamo al tavolo. Piuttosto, se lo sgarro è stato davvero così importante, potremo compensare il giorno successivo con pasti più leggeri. Ci tengo però a precisare che spesso non sono gli sgarri settimanali il vero problema che impedisce il dimagrimento. Questo perché sono singole occasioni, facilmente riconoscibili ed evitabili con un po’ di buona volontà. Il vero problema è  rappresentato da quei piccoli eccessi quotidiani che non riconosciamo come tali e che, per questo motivo, continuiamo a ripetere giornalmente senza accorgercene.

800x600 uf-2

Si parla tanto di “metabolismo basale” e di come esso con l’età cambi provocando aumento di peso. Ci può spiegare di cosa si tratta e in che modo è possibile tenerlo sotto controllo e migliorarlo?

Il metabolismo basale non è altro che il totale delle kcal che il nostro corpo brucia giornalmente “in silenzio” per mantenere tutte quelle attività fisiologiche di base involontarie come la respirazione, il battito cardiaco o il funzionamento di organi, tessuti e muscoli. Questo metabolismo basale è molto alto durante la fase dello sviluppo poiché servono parecchie calorie per supportare la crescita muscolo-scheletrica dell’organismo. Terminata questa fase tende invece a rallentare , soprattutto con l’età, a causa della riduzione del tessuto muscolare ed osseo. L’unico modo veramente valido per migliorare il metabolismo basale da adulti è attraverso l’aumento dell’attività fisica e della massa muscolare. Più muscoli abbiamo, più calorie sono necessarie per il suo mantenimento.

Il consiglio è di bere acqua durante la giornata. Quanta acqua? Com’è possibile aiutare chi trova difficoltà nel bere durante la giornata?

L’apporto idrico deve essere coerentemente adatto allo stile alimentare di ognuno di noi, al consumo di frutta e verdura, alla quantità e all’intensità dell’attività fisica praticata e alle condizioni climatiche. Moltissime persone faticano a bere perché il senso della sete si attiva in ritardo, quando l’organismo è già disidratato e ritarda sempre più se non viene costantemente “allenato”. Per evitare problemi di disidratazione oggi possiamo aiutarci preparando tisane o thè aromatizzati, magari dopo cena o utilizzando utili dolcificanti in polvere privi di zuccheri e calorie, che sciolti nella classica bottiglia di acqua che dovremmo avere sempre con noi durante tutto l’arco della giornata, ne aumentano molto l’appeal.

Il ruolo degli integratori e degli spuntini di mezza mattina e del pomeriggio! Se sono aggiunti al pranzo e alla cena non aumentano le calorie ingerite?

Gli integratori utilizzabili negli spuntini, come barrette o biscotti bilanciati o proteici, aumentano sicuramente le calorie introdotte con la dieta ma molto spesso ci salvano da eccessi calorici ben più gravi! Evitare gli spuntini o dimenticarseli perché poco pratici o poco appetitosi, causa spesso forti attacchi di fame (o di gole) ai pasti principali che ci annebbiano la mente spingendoci a consumare cibi altamente calorici ma dal bassissimo potere saziante.


E' attiva la promo di Natale per il tuo regalo Healthy con 3 sedute di allenamento + 1 consulenza “Hi coaching” ad Euro 99,00
Per maggiori informazioni rivolgiti ad uno dei centri Urban Fitness di Brescia:

Via Pastrengo 23 Brescia 0303750622,

Corsia del Gambero 6 Brescia 0302944178

Via XXV Aprile 96 Rovato 0308087037

Vivi il Natale in forma , scegli Urban Fitness!

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Elezioni

    Diretta Comunali ed Europee 2019. Aggiornamenti e affluenza

  • Cronaca

    Rischio slavine troppo alto, niente Passo Gavia per il Giro d'Italia

  • Cronaca

    Pasta di eroina da fumare nascosta nelle mutande: fermati due ragazzini

  • WeekEnd

    Cosa fare a Brescia dal 24 al 26 maggio: i migliori eventi del weekend

I più letti della settimana

  • Professore si suicida in palestra, il corpo trovato da due studenti

  • Si affaccia alla finestra di casa e precipita per 12 metri: muore bimba di 9 anni

  • Al volante ubriaco dopo un matrimonio, si schianta in auto con i tre figli piccoli

  • Stroncata dalla malattia, muore madre di famiglia: il dolore di figli e marito

  • Grandine e nubifragi nel Bresciano: strade allagate, traffico nel caos

  • "Ucciso dai nipoti e messo in un sacco per far sparire il cadavere"

Torna su
BresciaToday è in caricamento