Valsabbia: più del 50% deI comuni è migrato nel cloud montano di Secoval

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

Più del 50% dei Comuni della Vallesabbia hanno fatto il passo ed ora l’ambiente web per i municipi è più sicuro e affidabile. Grazie a Secoval infatti è nato e sta avendo un grande successo il primo CLOUD montano al quale si appoggiano molti comuni della Vallesabbia. “Ad oggi hanno aderito migrando i loro server i comuni di Barghe, Bione, Roè Volciano, Lavenone, Capovalle, Serle, Pertica Alta, Pertica Bassa, Treviso Bresciano, Mura, Anfo e Agnosine. Presto se ne aggiungeranno altri” sottolinea il Presidente della CMVS, GiovanMaria Flocchini, aggiungendo: “Il nostro progetto di infrastruttura informatica denominato “Teseo" è altamente innovativo e con alte policy di sicurezza nell’ottica di semplificare il lavoro finale dei dipendenti”. I vantaggi per i Comuni sono evidenti, nel particolare: i costi di manutenzioni hw (Hardware) sono a caric

o della Comunità Montana; i backup avvengono non solo per i server, ma ora anche per tutte le postazioni di lavoro; gli aggiornamenti tecnologici sono di altissimo livello e di assoluta innovazione; in eventuali casi di guasti ai pc, le credenziali personali sono utilizzabili anche su una qualsiasi altra macchina collegata alla rete in fibra ottica ed altri vantaggi ancora. “Il nostro obiettivo entro i primi mesi del 2019 è dotare l’intera Vallesabbia di questa innovazione tecnologica che da vantaggi competitivi evidenti. Il nostro territorio, da quando è stato raggiunto dalla fibra ottica, sta facendo passi da giganti e nuovi traguardi iniziano a delinearsi affinché lavoro e sicurezza siano sempre più a portata di mano” conclude il Presidente Flocchini che, impossibile non ricordarlo, ha visto il Forum Nazionale della Pubblica Amministrazione, premiare proprio il progetto del CLOUD montano a Roma nei mesi scorsi e che ora sta diventando realtà concreta.

I più letti
Torna su
BresciaToday è in caricamento