Un bresciano su otto non paga il bollo auto: un "buco" da 23,5 milioni di euro

Quasi 23 milioni e mezzo di euro: a tanto ammonta il saldo dei mancati pagamenti del bollo auto solo in provincia di Brescia, per più di 100mila veicoli

Un “buco nero” da quasi 200 milioni in tutta la Regione, e che vale circa 23 milioni e mezzo di euro anche in provincia di Brescia: è questo il conto, come riporta il Giornale di Brescia, del mancato pagamento del bollo auto, la tassa automobilistica dovuta da tutti i proprietari e gli usufruttuari di veicoli iscritti al Pra, il Pubblico registro automobilistico. Dopo l'entrata in vigore della Legge statale 190 del 2014, la tassa è dovuta anche per i veicoli di età compresa tra i 20 e i 29 anni: restano esenti i veicoli più che trentennale, se non adibiti ad uso professionale, per i quali è dovuta solo la tassa di circolazione (30 euro per gli autoveicoli e 20 euro per le moto).

Evasione del bollo in provincia di Brescia

Il mancato pagamento del bollo auto in tutta la Lombardia segue, più o meno, l'andamento della popolazione: dunque Milano supera i 56 milioni di euro di bolli non pagati, seguita dalla provincia di Brescia (23,4 milioni), da quella di Bergamo (18,9 milioni), poi Varese (17,8 milioni) e Monza e Brianza (16,1 milioni).

Ma a quanto ammontano i bolli non pagati nel Bresciano? In tutto si calcolato 103mila autoveicoli per cui non è stato pagato il bollo, circa il 13% del totale (quasi 800mila veicoli). In media, un'automobilista su otto non paga. A tutti coloro che non hanno pagato è già stata inviata un'ingiunzione di pagamento: se a Brescia sono poco più di 100mila, in tutto il territorio lombardo sono più di 850mila.

Cosa succede a chi non paga

La prima fase è quella “soft”, è il tempo della prima ingiunzione (che arriva per posta): a partire dal ricevimento della lettera ci sono 30 giorni per sanare la propria posizione, con un piccolo sovrapprezzo. Superati i 30 giorni, si dovrebbe ricevere una seconda “cartella di pagamento”: questa ha una durata di altri due mesi. Nel passaggio tra la prima e la seconda cartella si viene ufficialmente “iscritti a ruolo” per il bollo non pagato. Superati i due mesi, i costi per sanare la propria posizione aumentano esponenzialmente, e dal punto di vista pratico si rischia anche il fermo amministrativo dell'auto. Il mancato pagamento del bollo ha però una scadenza: la prescrizione è fissata in tre anni.

Come pagare il bollo

La formula più conveniente per pagare il bollo è la domiciliazione bancaria: la tassa viene così pagata in automatico, alla scadenza, con un sostanzioso sconto che se prima era del 10%, adesso è stato aumentato fino al 15%. I conti son subito fatti: per un bollo auto di 200 euro, con la domiciliazione bancaria se ne pagano solo 170.

E gli altri metodi di pagamento? Ne abbiamo già parlato approfonditamente in questa guida. Comunque, oltre alla domiciliazione bancaria, il bollo può essere pagato anche online, attraverso la piattaforma PagoPA, oppure rivolgendosi agli intermediari autorizzati (agenzie di pratiche automobilistiche, sportelli bancari abilitati, uffici postali, tabaccherie aderenti al circuito Lottomatica).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

Torna su
BresciaToday è in caricamento