Mobilità sostenibile: donato un pulmino elettrico per i disabili dell’Anffas

Un bel regalo per la comunità dell’Anffas di Rivoltella: il Comune e Garda Uno hanno donato un pulmino elettrico ai disabili, nell’ambito del progetto E-Way

La mobilità elettrica che fa bene anche al sociale: è stato consegnato pochi giorni fa all’Anffas di Rivoltella un pulmino Nissan NV200 attrezzato per il trasporto disabili. L’iniziativa fa parte del progetto E-Way di Garda Uno, in collaborazione con il Comune di Desenzano. La consegna del pulmino, infatti, era stata annunciata a margine dell’avvio del progetto di mobilità sostenibile casa-scuola e casa-lavoro, appunto E-Way, che vede la multiutility gardesana a fianco di 13 Comuni partner, tra cui Desenzano (che ne è capofila).

Il progetto ha ottenuto un sostanzioso contributo da parte del Ministero dell’Ambiente, che ha coperto il 60% dei costi di realizzazione (498mila euro). Inaugurato ufficialmente a giugno, E-Way è una rete di car sharing totalmente green: otto autovetture (e a breve anche altrettanti scooter) per quattro stazioni di ricarica collocate in postazioni strategiche per la mobilità del basso lago, a Desenzano, Padenghe, Salò e Peschiera.

La consegna del pulmino

Nel progetto, come detto, è incluso anche il pulmino elettrico consegnato all’Anffas di Rivoltella. Alla cerimonia erano presenti personale e vertici di Garda Uno, e il primo cittadino di Desenzano Guido Malinverno: sono scesi tutti in campo, al Durighello, per un’amichevole partitella di calcio con una dozzina di utenti dell’Anffas e i loro educatori. “E’ importante sostenere realtà come queste – ha commentato il direttore operativo di Garda Uno, Massimiliano Faini – per le quali ogni piccolo aiuto è fondamentale”. “E-Way tocca oggi la sua massima espressione – ha poi aggiunto il sindaco Malinverno – in uno straordinario percorso di mobilità sostenibile”.

I numeri di E-Way

Inaugurato a giugno, è in realtà da poche settimane che il progetto E-Way è entrato nel vivo. Negli ultimi trenta giorni, fa sapere Garda Uno, sono stati percorsi circa 8.370 chilometri, per un totale di 1.216 ore di noleggio dei mezzi. I percorsi hanno interessato le province di Brescia, Mantova, Verona e Trento, e in modo particolare il litorale del lago di Garda. La loro durata minima è stata di un’ora, quella massima di 48 ore. L’arco di noleggio più gettonato è nella fascia oraria del tardo pomeriggio, con una durata media da una a tre ore. 

Interessanti anche i dati degli utenti: il 73% sono uomini, solo il 27% sono donne. Gli utilizzatori più numerosi sono i giovani: anche se la fascia d’età più coinvolta è quella tra i 25 e i 60 anni, per il 54% sul totale dei noleggi, gli under 25 sono quasi uno su due, il 46%. Nessun over 60, invece, ha mai utilizzato il servizio. La stazione di interscambio più utilizzata è stata quella di Padenghe, con il 67% dei casi: seguono a distanza Desenzano del Garda (20%), poi Salò (9%) e infine Peschiera (4%). 
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Brescia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento