Assistenza medica e ospedali: ticket ed esenzioni a Brescia

Breve guida al ticket sanitario: i costi delle varie forme di assistenza, i casi di esenzione dal pagamento

La sanità lombarda (e bresciana) è considerata un’eccellenza in Italia e in Europa. Sempre gratuita nei casi di emergenza-urgenza, ma non nelle varie forme dell’assistenza: per questo esiste il ticket, che rappresenta appunto la quota di partecipazione alla spesa sanitaria, dovuta dal cittadino per le varie forme di assistenza.

Ticket per l’assistenza farmaceutica

Quota dovuta € 2,00 per confezione con un massimo di € 4,00 per ricetta.

Ticket per visite e prestazioni specialistiche

Quota dovuta € 36,00 massimo per ricetta a cui si aggiunge, per le prestazioni specialistiche prenotate dal 1 luglio 2018, una quota variabile per ricetta (da zero a € 15,00), proporzionale al valore delle prestazioni richieste (ai sensi della Legge 111 del 15/07/2011 e della DGR XI/162 del 29 maggio 2018).

Ticket per assistenza termale

Quota dovuta € 55,00 per ciclo di cura se non esente, in base a quanto previsto dalla Legge di Stabilità 2016, oppure € 3,10 se esente parziale o nessuna quota se esente totale.

Ticket prestazioni non urgenti di Pronto soccorso

Quota dovuta € 25,00 per la visita, comprese eventuali altre prestazioni diagnostico-terapeutiche correlate, ad eccezione di alcune categorie di assistiti o prestazioni escluse da tale quota.

Esenzioni

L’esenzione dal ticket esonera il cittadino al pagamento totale o parziale delle varie quote citate poche righe fa. Con D.G.R. n. 6800 del 30.06.2017 Regione Lombardia ha emanato le prime disposizioni attuative in merito alla definizione e aggiornamento dei nuovi Livelli Essenziali d'Assistenza (LEA) come da D.P.C.M 12.01.2017.

I cittadini che si trovano in particolari condizioni di reddito possono avere diritto all'esenzione dal pagamento del ticket sanitario. Alcune esenzioni per reddito sono assegnate automaticamente dal Ministero dell'Economia e Finanze; altre devono essere invece autocertificate sotto la propria responsabilità. Sul sito web di Ats Brescia o sul portale di Regione Lombardia tutte le informazioni in merito.

I cittadini affetti da patologia cronica possono richiedere l’esenzione presentando la certificazione rilasciata da un medico specialista di una struttura pubblica o privata accreditata e la propria Tessera sanitaria. Il diritto all'esenzione è valido per le prestazioni correlate alla patologia.

I cittadini affetti da Malattia Rara possono richiedere l’esenzione presentando la certificazione redatta su apposita modulistica rilasciata dal Presidio ospedaliero abilitato a diagnosticare Malattia Rara.

Gli assistiti con riconoscimento di invalidità civile da parte di INPS per ottenere l'attestato di esenzione devono recarsi agli sportelli territoriali Scelta e Revoca con il verbale che attesta l'invalidità.

Potrebbe interessarti

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Come smettere di fumare

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

I più letti della settimana

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Ubriaca fradicia di primo mattino, ragazza soccorsa da un'ambulanza

  • Offlaga: parte un colpo di fucile, morto il 19enne Riccardo Moretti

  • Blitz della Locale dal parrucchiere, scattano i sigilli

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

Torna su
BresciaToday è in caricamento