"Si può fare di più": premio tesi di laurea 2019 per un'economia circolare

Premi fino a 1.500 euro, tirocini di 6 mesi, un viaggio-studio: c'è tempo fino al 15 ottobre per partecipare al premio tesi di laurea “Si può fare di più”

E' giunto alla 23ma edizione il premio tesi di laurea “Si può fare di più”, per un'economia circolare, un concorso annuale promosso dalla Fondazione Cogeme Onlus in collaborazione con le società del gruppo, allo scopo di valorizzare tesi di laurea di particolare interesse scientificato, nell'ambito di un più generale richiamo ai principi della Carta della Terra e in continuità con il progetto “Verso un'economia circolare” di cui è stata partner anche la Provincia di Brescia.

Il premio per le tesi di laurea

Il premio tesi di laurea “Si può fare di più” si articola in tre sezioni:

  • Acqua. In collaborazione con Acque Bresciane srl per premiare tesi di laurea riguardanti le politiche e le applicazioni per una migliore e più efficiente gestione del servizio idrico integrato, alla luce degli ultimi sviluppi normativi e dei principi di sostenibilità.
  • Energia. In collaborazione con Cogeme Nuove Energie per premiare tesi di laurea riguardanti le politiche energetiche e l'utilizzo di fonti rinnovabili, prioritariamente ad opera degli enti locali.
  • Carta della Terra: cultura ed economia circolare. In collaborazione con Earth Charter per premiare tesi di laurea che approfondiscono una visione integrata e sostenibile della realtà, ispirandosi ai principi della Carta della Terra. La sezione prenderà in considerazione anche quelle tesi riguardanti la gestione sostenibile della filiera dei rifiuti o dei processi industriali e che pongano in particolar modo l’attenzione sui temi del riciclo, riuso e recupero nonché quelle tesi che offrano spunti, modelli innovativi e buone prassi nei campi della cultura, storia e stili di vita legati all’economia circolare.

Come partecipare

Le domande vanno presentate a Fondazione Cogeme entro il 15 ottobre 2019, utilizzando l'apposito modulo d'iscrizione scaricabile dal sito web della Fondazione, specificando un'unica sezione a cui si intende partecipare, pena l'esclusione. Per le eventuali tesi di gruppo verrà preso in consideratzione solo ed esclusivamente un unico nominativo. Il concorso è riservato a laureati o laureandi di qualsiasi facoltà italiana, comprese le triennali: i partecipanti di tutte le sezioni devono aver depositato la propria tesi in università entro il 30 settembre 2019. Tutte le informazioni sono comunque disponibili sul bando completo, consultabile a questo link.

I premi del concorso

Ai vincitori delle prime due sezioni (Acqua e Energia) verrà corrisposta una somma in denaro pari a 1500 euro, tramite assegno circolare al lordo delle ritenute di legge, o in alternativa un tirocinio extracurricolare di almeno 500 euro mensili (al netto delle ritenute di legge) della durata di sei mesi.

Per quanto riguarda la terza sezione (Carta della Terra), il premio consiste in un viaggio-studio da concordare con Fondazione Cogeme: i termini e le condizioni del viaggio saranno definiti dalla segreteria organizzativa del premio. Il viaggio-studio dovrà svolgersi entro il mese di maggio dell'anno successivo al bando. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Progetto Eduscopio: licei e istituti tecnici, le migliori scuole della provincia

  • Studiare online, anche da casa: boom di iscrizioni alle università telematiche

  • Posizioni aperte in università: un concorso per 8 assunzioni a tempo indeterminato

  • Trucchi e consigli per studiare senza fatica

  • Desenzano: una festa in piazza per celebrare i 40 anni della scuola alberghiera

  • "Touchpoint": al Cfp corsi di formazione per l'uso consapevole dei social

Torna su
BresciaToday è in caricamento