menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius epifaniacarnevalesan-valentinofesta-donnafesta-papapasqua1-maggiofesta-mammaferragostohalloweennatalecapodannochildrenlocation-maps

Ferruccio Brugnaro a Moniga del Garda: «La poesia e la fabbrica»

Questa sera la Sala Consiliare ospita il poeta operaio del Petrolchimico di Marghera. Poesia di lotta e di passione, parole dure che denunciano i mali della società del profitto e del consumismo sfrenato. Dalle ore 20 e 30

Il Petrolchimico

La parola e la poesia come strumenti di lotta vera, la lotta operaia che si riappropria di quello che dovrebbe essere suo e tenta di intaccare l’ideologia dominante dalle mille storture, e dalle mille contraddizioni. Questa sera a Moniga del Garda un ospite che va oltre le canoniche definizioni, le semplici interpretazioni: alle 20 e 30 nella Sala Consiliare arriva Ferruccio Brugnaro, il poeta operaio.

“La lotta contro un’alienazione più sottile, propria della società attuale – ha scritto di lui Francesco Moisio – che la classe dominante vuole senza ideali, soffocata dal consumismo, in cui l’individuo vive senza storia. […] Come nella fabbrica semplici gesti potevano assumere il significato di affermazioni della resistenza dell’uomo agli ingranaggi stritolanti del potere del padronato, così è del poeta dire della lotta che milioni di uomini portano avanti ogni giorno, contro il dominio del capitale, contro il modello di società e di vita che questo dominio impone”.

Il poeta del petrolchimico che anche il presidente della Commissione Cultura del piccolo paese gardesano, Igor Costanzo, non ha esitato a definire come “uno dei più grandi artisti viventi”. La sua storia come in un diario, un diario operaio in versi che esalta la lotta, e che denuncia il male della società del profitto. Con lo sguardo mai domo verso l’internazionalismo, la passione che si accompagna alla ragione.

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    Torna su