Barba lunga, cuore grande: arriva a Brescia "la festa barbuta più grande d'Italia"

Sabato sera a El Forajido di Bagnolo Mella la terza edizione di “Brescia che Barba”, organizzata dai Bearded Brixia: il ricavato sarà devoluto all'associazione Maruzza

Le barbe di Bearded Brixia

Dicono di loro: “Un gruppo nato dalla passione per la barba, ma con un unico obiettivo: fare del bene e aiutare gli altri. Persone splendide con un cuore grande”. Barba lunga, cuore grande: sono i Bearded Brixia, i barbuti di Brescia che sabato sera tornano in scena con la terza edizione di “Brescia che Barba”, evento benefico in programma stavolta a El Forajido di Bagnolo Mella.

Il gruppo è capitanato da Diego Bazoli, detto il Califfo: è lui il portatore sano di una barba da record, lunga più di 70 centimetri, che nel frattempo l'ha portato alla ribalta delle cronache anche nazionali con la partecipazione ad alcuni programmi televisivi, in particolare su Tv8 dove è già stato visto a “Guess My Age”, il programma condotto da Enrico Papi, e a “Pupi e Fornelli”, programma comico-gastronomico condotto invece da Pupo.

“Sarà la festa barbuta più grande d'Italia, la più chiaccherata, l'unica e l'originale – spiegano gli organizzatori – capitanata dal califfo Diego Bazoli, aiutato dall'armata Bearded Brixia con Marco Leggeri, Maurizio Il Sala Vezzoli, Samuel Pasinetti, Alberto Bresciani, Diego Civera, Marco Bossoni”.

I dettagli dell'evento

La festa è aperta a tutti, al via dalle 20 nello storico locale di Bagnolo, con area bimbi dedicata (e a cura di Dutùr Kaos, “sotto i camici siamo comici”, musica dal vivo, danzatrici del ventre e molti altri ospiti. Tra i tanti, sono attesi i cosiddetti “bearded Vip”: i personaggi più famosi del mondo dei barbuti.

E come già successo per la festa organizzata in primavera al Devil Kiss di Brescia, parte del ricavato della serata sarà devoluto in beneficenza. Per tutta la serata saranno vendute delle “pezze” da applicare su jeans e vestiti. I fondi raccolti serviranno a finanziare l'attività dell'associazione Maruzza, che sostiene le cure palliative pediatriche per i bambini del reparto di oncologia del Civile. 

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

  • Lo spioncino digitale per la porta di casa

I più letti della settimana

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Offlaga: parte un colpo di fucile, morto il 19enne Riccardo Moretti

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

  • Maltempo, non è finita. L'allerta della Protezione Civile: "In arrivo vento e forti temporali"

  • Orrore in reparto: ragazza di 19 anni si dà fuoco e muore avvolta dalle fiamme

Torna su
BresciaToday è in caricamento