Imprenditore sparito nel nulla: 4,5 milioni di euro per l’azienda del mistero

La base d’asta era stata fissata in 3 milioni e 400mila euro

Carabinieri alla Fonderia Bozzoli © Bresciatoday.it

Nulla è cambiato da allora, per quanto riguarda le indagini: tutto è cambiato invece in azienda. A pagare lo scotto forse più caro, come sempre accade, sono gli operai che lavoravano in fabbrica: in tutto una ventina, sono rimasti qualche mese in cassa integrazione e poi tutti licenziati, sul finire dello scorso settembre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Adesso la fabbrica dovrebbe ripartire, quando e come ancora non si sa. Oltre alla struttura vera e propria, sono stati messi all’asta anche dei materiali (pani di zinco e alluminio, barre di ottone) per cui nessuno però ha presentato un’offerta, e pure gli impianti e i macchinari presenti in azienda, acquistati invece dalla Ifib di Brescia, società che fa capo ad Adelio Bozzoli (il fratello dello scomparso Mario) e ai figli Alex e Giacomo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente: Giulia e Claudia morte in un terribile frontale

  • Terribile incidente: ciclista sbanda e muore schiacciato da un camion

  • Nuovo supermercato dopo il lockdown: sarà aperto tutti i giorni fino alle 22

  • Coronavirus: Brescia è la prima provincia italiana per nuovi contagi

  • Va a fare la spesa, viene travolta sulle strisce: donna in fin di vita

  • Drammatico schianto frontale nella notte: morte due ragazze

Torna su
BresciaToday è in caricamento