Ubi Banca emette un Social Bond per sostenere il primo hospice pediatrico della Lombardia

Lo 0,50% del valore nominale delle obbligazioni verrà utilizzato per sostenere il progetto “Casa Sollievo Bimbi”, il primo hospice pediatrico della Lombardia.

Ubi Banca ha emesso un prestito obbligazionario solidale (Social Bond), denominato “Ubi Comunità per Vidas” per un ammontare complessivo di 20 milioni di euro. I proventi saranno devoluti, a titolo di liberalità, a favore di Vidas per il progetto di gestione del primo hospice pediatrico della Lombardia nato per bambini e ragazzi affetti da malattie inguaribili (circa 30.000 in Italia), che hanno bisogno di assistenza quotidiana e di cure palliative.

'Casa Sollievo Bimbi' è stata costruita da Vidas a Milano ed aprirà le sue porte nella prossima primavera. Si tratta di un luogo sereno, colorato e luminoso, in cui ogni bambino o ragazzo gravemente malato riceverà, insieme alla sua famiglia, le terapie e l’affetto di cui ha bisogno.

Attività e obiettivi del progetto

Un intero piano di “Casa Sollievo Bimbi” sarà dedicato alla degenza. Qui i giovanissimi pazienti potranno essere accolti per ricoveri cosiddetti di sollievo ovvero affidati  alle cure di un’intera équipe sociosanitaria in un ambiente protetto e attrezzato, qualora i genitori avessero necessità di interrompere, per periodi brevi, l’attività di assistenza, che può essere molto provante poiché continuativa ventiquattro ore su 24. L’esigenza è particolarmente sentita dalle famiglie con più figli.

“Casa Sollievo Bimbi” è pensato come un luogo ponte tra la casa e l’ospedale, in cui ci sarà la possibilità per i genitori  di fruire di “ricoveri di abilitazione”, ovvero di periodi di tempo in cui acquisire confidenza con attrezzature e presidi medici, da utilizzare poi a casa. Si tratta di strumenti spesso indispensabili a garantire la sopravvivenza dei loro figli. Infine, ci sarà posto anche per accompagnare i bambini che, per ragioni sociali e abitative, non potranno trascorrere a casa l’ultimo tempo della loro vita, offrendo anche supporto psicologico ai familiari.

“Casa Sollievo Bimbi” di VIDAS si pone l’obiettivo di fare da progetto pilota per le cure palliative pediatriche in Italia, definendo modelli di intervento che potranno essere di riferimento per altre strutture.


Fino a 100.000 € di contributo mediante erogazione liberale                           

Il contributo complessivamente devoluto da UBI Banca a VIDAS, a titolo di liberalità, per sostenere il progetto “Casa Sollievo Bimbi” e, in particolare, l’avvio del servizio di degenza, può arrivare fino a 100.000 euro in caso di sottoscrizione dell’intero ammontare nominale delle obbligazioni oggetto dell’offerta.

Le obbligazioni, emesse da UBI Banca, hanno un taglio minimo di sottoscrizione pari a 1.000 euro, durata 3 anni, cedola semestrale, tasso annuo lordo pari al 1,60% (1,184% netto annuo). Possono essere sottoscritte dal 28 febbraio 2019 al 27 marzo 2019, salvo chiusura anticipata dell’offerta.

 “Le soluzioni di collaborazione tra pubblico, privato e privato sociale sono, anche nell’ambito del welfare, sempre più spesso la strategia vincente per soddisfare i bisogni della società”,  afferma Vincenzo Algeri, responsabile Area UBI Comunità di UBI Banca. “In questo senso il Social Bond UBI Comunità per VIDAS consente di contribuire a sostenere l’associazione  nel rispondere con efficacia ad una domanda, quella dell’assistenza pediatrica a bambini e ragazzi con gravissime patologie, che è di estrema delicatezza e per la quale una struttura come ‘Casa Sollievo Bimbi’ è senza dubbio un importante progresso”.

 “L’impegno di uìUbi Comunità incontra quello di VIDAS”, afferma Giorgio Trojsi, direttore generale dell’Associazione  “rispondendo a una funzione di ‘advocacy’, tipica del terzo settore, che oggi però si declina secondo un concetto nuovo che non è solo quello della denuncia, ma promuove il coinvolgimento di tutti coloro – privato, pubblico, privato sociale – che condividono la responsabilità di affermare il rispetto dei diritti fondamentali dei membri di una società, come i diritti dei minori in condizione di grave fragilità e delle loro famiglie. Così, il lungo percorso di VIDAS è un’esemplare dimostrazione di come la sinergia tra terzo settore, pubblico  e privato possa dare forma a progetti virtuosi e di grande rilevanza sociale”.

Lo Sroi come strumento di misurazione del valore sociale

In riferimento al progetto, viene calcolato il valore del beneficio sociale per i destinatari e la collettività collegato al Social Bond, come già avvenuto in occasione del sostegno a iniziative legate a precedenti collocamenti. Il metodo scelto per tale quantificazione è il social return on investment – SROI. Lo SROI è il mezzo per quantificare, in termini economici, il valore sociale o ambientale generato da un progetto, un’iniziativa, un’organizzazione sociale.

Vidas ha calcolato i benefici sociali, stimati in € 1,20 ex-ante per ogni euro investito. Tali benefici sono rappresentati in via principale dalla riduzione delle spese sostenute dalle famiglie per l'assistenza privata continuativa e per quella  specialistica domiciliare (infermiere, fisioterapista, logopedista, pediatra) grazie all’acquisizione di competenze infermieristiche e assistenziali e dalla riduzione di costi per il soggiorno grazie all’ospitalità  nei miniappartamenti presenti in Casa Sollievo Bimbi, nonché dalla crescita di competenze del personale medico-infermieristico acquisita dalla partecipazione gratuita a  corsi di formazione professionale sulle cure palliative pediatriche. Al termine del progetto verrà rendicontato e comunicato il risultato consolidato (ex-post).

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Controlli stradali, dati shock: un automobilista su sette era ubriaco o drogato

  • Incidenti stradali

    Furibonda lite di coppia, lei apre la portiera e si lancia dall'auto in corsa

  • Cronaca

    Scompare per un giorno intero: la ritrovano viva a più di 40 chilometri di distanza

  • Cronaca

    Si dimentica del freno a mano, l'auto finisce dritta nel laghetto dei pescatori

I più letti della settimana

  • “Vino di lusso, a 90 euro a bottiglia”: ma il ristoratore chiama i carabinieri

  • Incidente a Calvagese della Riviera: morti Marco Cioccarelli e Alessandro Giuliani

  • Marco e Alessandro, tra sogni e ricordi: due giovani vite spezzate troppo presto

  • Ragazzo si accascia sul volante e muore mentre guida: aveva soltanto 28 anni

  • Ambra senza filtri sull'ex: "Renga? Complicato vivere vicini, ma sa farmi ridere"

  • Record bresciano: 10 supermercati in 10 chilometri. Aperto uno, ne arriva un altro

Torna su
BresciaToday è in caricamento