Fallimento inevitabile: azienda bresciana chiude, licenziati 14 operai

La fine della Top Working, l'epilogo annunciato della vicenda della Caseifici Zani di Cigole: erano circa 50 gli operai, ne erano rimasti 31. Adesso solo 17 hanno una nuova occupazione

Inevitabile doveva essere, inevitabile è stato: il tribunale di Brescia ha depositato la sentenza di fallimento per la Top Working di Cigole, azienda che era nata da una scissione della Caseifici Zani Spa.

La Top Working era già in liquidazione: è stata proprio la società (insieme ad altri creditori) a presentare istanza per il fallimento. Capitolo occupazione: l'azienda occupava circa una trentina di dipendenti.

Di questi ben 14 sono stati già licenziati, gli altri 17 invece sarebbero già stati assunti da una cooperativa. Alla Caseifici Zani ci lavoravano in 50, solo in 31 sono rimasti alla Top Working. E adesso solo in 17 hanno mantenuto l'occupazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

Torna su
BresciaToday è in caricamento