homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Sciopero dei Tir dal 9 al 13 dicembre 2013: rischio paralisi

La serrata indetta da Unatras e Anita. Chiesto un confronto con il Governo: se le richieste delle associazioni non verranno accolte, si rischia la paralisi del Paese per cinque giorni

Sciopero dei tir, gennaio 2012

Se nulla cambierà a breve, le associazioni dell'autotrasporto Unatras e Anita hanno annunciato cinque giorni di sciopero dei tir, da lunedì 9 a venerdì 13 dicembre.

I sindacati hanno chiesto un incontro urgente con il Governo. Lamentano un disinteresse totale verso la categoria, che non esitano a giudicare "ormai allo stremo".

Se la serrata fosse confermata, le strade del Belpaese rischiano la paralisi a partire dalla mezzanotte del 9 dicembre.

Tra le altre ragioni della protesta, vengono elencati "il taglio del rimborso delle accise e l'assoluta incertezza sulle risorse destinate al settore, con particolare riferimento agli interventi per il contenimento del costo del lavoro".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di novantasettepercento
    novantasettepercento

    Cari colleghi trasportatori, svegliarsi ?!, ormai penso sia troppo tardi, dovevamo farlo una decina d anni fa, nei quali abbiam accettato tutto !, dalle tariffe infami ai pagamenti dei ns. committenti lunghi come l anno della fame, ora poi per rispettare i termini di pagamento più di qualche cliente esige il ....pagamento di interessi !!!, poi, multe esagerate e magari per 1 o 2 km di velocità in più o un minuto di pausa in meno si pagano centinaia di euro !. Una volta si suppliva lavorando un ora odue in più incentivando l autista con degli extra, ora non si può, i clienti e caricatori accorciano i loro tempi di lavoro .vista la crisi, e noi magari arriviamo alle 16 e non ci fanno caricare/scaricare, cosi si perdono viaggi e il fatturato scema che è un piacere !, grazie ai ns rappresentanti, ai ns. politici e a quelli che ci han portato in Europa !!!.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Soccorso un 15enne albanese: è arrivato a piedi da Brindisi

  • Incidenti stradali

    Autista di furgone abbagliato dal sole si scontra con una moto

  • Cronaca

    Mattarella incontra Brescia: visita programmata per il 6 settembre

  • Eventi

    Weekend dal 26 al 28 agosto: gli eventi da non perdere a Brescia e provincia

I più letti della settimana

  • Meno di un mese all'apertura della maxi-Ikea: ecco tutti i negozi

  • Multinazionale fa "shopping" in Italia: venduta azienda da 180 operai

  • Fatture false e soldi che non esistono: scoperta evasione da 11 milioni

  • Sempre meno aziende bresciane: boom degli immigrati (ma imprenditori)

Torna su
BresciaToday è in caricamento